Parole del Dialetto Curinghese (15) (da Dannu a Duomitu)

Parole del dialetto Curinghese e
modi di dire legati alla parola stessa
(15)
DANNU                                  Danno.          
Si dice:            Fhicia cchjiù dannu igghu ca u terramuotu.
Ha fatto più danno lui che il terremoto.
DESTINU                                Destino.         
Si dice:            Si spusaru ca hfu destinu.
Si sono sposati perché era destino.
DIEBBITU                                Debito.          
Si dice:            Havìa nu diebbitu chi no' finìa mai.
Aveva un debito troppo grande.
DIENTI                                    Denti.
Si dice:            Hfatti l'affari tua si no' bua rupputi li dienti.
Fatti gli affari tuoi se non vuoi che ti rompa i denti.
DIFHETTU                               Difetto.          
Si dice:            A prima vista non'ha nugghu dihfettu.
A prima vista non ha alcun difetto.
DIJIUNI                                   Digiuni.          
Si dice:            Sunu dijiuni comu cani.
Sono digiuni come cani randagi.
DIJIUNIEGGHI                         senza mangiare nulla          
Si dice:            Mo', ti mangi dijiuniegghi.
E adesso non mangi nulla.
DINARI                                   Soldi.
Si dice:            Su chjini de dinari.
Sono pieni di soldi.
DINCILLU                                Diglielo.         
Si dice:            Dincillu tu ca a mia no' mi senta. 
Diglielo tu perchè non mi sente.
DINOCCHJIA                          Ginacchia.     
Si dice:            Nci ruppìu li dinocchjia, lu sdinocchjiau.
Gli ha rotto le ginocchia. (Gli ha rubato la fidanzata)
DISASTRU                              Disastro.        
Si dice:            Combinau nu disastru. 
Ha combinato un disastro.
DISCULU                                 Fragile.          
Si dice:            E' troppu disculu.
E' troppo fragile.
DISGRAZZIA                           Disgrazia.       
Si dice:            Catta ndisgrazzia.
E' caduto in piena disgrazia.
DOMANA                               Domani.        
Si dice:            Ni vidimu domana.
Ci vediamo domani.
DUBBRU                                 Doppio.         
Si dice:            L'hava ligatu dubbru.
Lo ha legato a doppia passata.
DUOMITU                              Domestico.    
Si dice:            Rendalu duomitu ca è servaggiu.
Addomesticalo perché è selvaggio.