Parole del Dialetto Curinghese (12) (Coccalu-Cristieri)

Parole del dialetto Curinghese e
modi di dire legati alla parola stessa
(12)
COCCALU                               Bolla. 
Si dice:            Fhicia nu coccalu cu acqua e sapuni.
Ha fatto una bolla con acqua e sapone.
COCCULIJIA                            Bollire.           
Si dice:            Sutta stu sula, ti cocculijia puru u cerviegghu.
Sotto questo sole, si surriscalda anche il cervello.
COCIPANA                             Forno.            
Si dice:            Hava a vucca quantu nu cocipana.
Ha la bocca grande come l'imboccatura di un forno.
CODDARA                              Caldaia.         
Si dice:            U puorcu è a muntagna e a coddara gugghjia.
Il maiale è ancora in montagna e la caldaia già bolle.
CINNARA                               Cenere           
Si dice:            Sini nu fhocariegghu sutta cinnara.
Sei un fuocherello sotto cenere.
COFFA                                    sacco di juta 
Si dice:            Ogni coffa la inchjìa e sanza e troppitu.
Riempiva i sacchi di jiuta rotondi con sanza da trappeto.
COGGHJIRA                            Cogliere         
Si dice:            Mi restau e cogghjira a recina da vigna e salici.
Mi è rimasta da raccogliere l'uva di Salice.
COMBA                                  Radice
Si dice:            Scippau na livara cu tutta a comba.
A tirato una pianta d'ulivo con tutta la radice.
CONIGGHJI                             Conigli.          
Si dice:            I fhigghji nescianu cuomu conigghji.
I figli nascono numerosi come i conigli.
CONZARA                              Aggiustare.   
Si dice:            Fhici conzara u stagnatu do' stagninu.
Ho fatto aggiustare la padella dallo stagnaro.
CORAGGIU                             Coraggio.      
Si dice:            U coraggiu no' nci manca.
Il coraggio non gli manca.
CORDEGGHA                         Corda.
Si dice:            Va nchjiaccati cu na cordeggha.
Impiccati con una cordicella.
COTRARU                               Ragazzo.        
Si dice:            Partivi chi era ancora cotraru.
Sono partito che ero ancora un ragazzo.
COZZIETTI                              Calzini.           
Si dice:            Nannima mi fhicia li cozzietti a li fherra.
Mia nonna ha realizzato un paio di calzini ai ferri.
COZZIETTU                             Nuca.
Si dice:            Hai nu bellu cozziettu, pua fhara u militari.
Hai una bella nuca, potresti già fare il militare.
CRAPA                                               Capra.
Si dice:            Hava na testa e crapa chi no' nc'è a guala.
Ha una testa di capra che non esiste l'eguale.
CRIGNUSU                             Arrabbiato.   
Si dice:            Nta stu periodu è sempe crignusu.
In questo periodo, è sempre arrabbiato.
CRISARA                                Staccio per la farina
Si dice:            Mo' m'ammucciu arriedi a crisara.
Adesso mi nascondo dietro uno staccio.
CRISTARIEGGHU                    Gheppio.       
Si dice:            Si mangiau nu cristariegghu mbrodu.
Ha mangiato un gheppio cuninato in brodo.
CRISTIERI                               Clistere          
Si dice:            Nci fhiciaru u cristieri mu nci passa a fhrievi.
Gli hanno fatto il clistere per fargli passare  la febbre.