E’ MALATA LA CCHJU’ BELLA

E’ MALATA LA CCHJU’ BELLA
Nta la ruga nc’è na pena,
nta lu core na procella;
risi a nuddu nei nda vena,
no’ ssi sona e canta ccà:
è malata la cchjù bella
la cchjù bona chi nci sta.
Nui pregamu tutti quanti
cu’ gran fede e devozioni
la Madonna cu’ li Santi,
lu Gran Core de Gesù
pe’ mmu ha la guarigioni,
ed allora chi fu fu.
Nui dicimu a testa china:
« 0 Madonna benedetta,
tu chi ssini la riggina
de ssa ngrata umanità,
a ssa figghja tua diletta
duna priestu sanità ».
19 giugno 1937
Qui i tre momenti prendono avvio nel solenne preludio ini­ziale, già gravido di intima pena. Un’ombra di tristezza e di dolore si estende a tutte le cose presenti e vicine: nessuno ride, non si suona e non si canta. La più bella, la più buona che ci sia, sta male. La partecipazione e il calore umano si trasformano in pre­ghiera corale per una rapida guarigione.
E’ MALATA LA PIU’ BELLA.
Nella via c’è una pena, / dentro il cuore una procella; / risate non ne vengono a nessuno, / non si suona e non si canta qua: / è malata la più bella, / la più buona che ci sia.
Noi preghiamo tutti quanti / con gran fede e devozione / la Ma­donna con i santi, / il gran cuore di Gesù / perché faccia (l’h leggasi aspirata) la guarigione, / ed allora quel che è stato è stato.
Noi diciamo a testa china: / « O Madonna benedetta, / tu che sei la regina / di questa ingrata umanità, / a questa tua figlia diletta / dona presto sanità ».