LI SCIERI

LI SCIERI
Vidi li scieri jornati ntieri
jre girandu
de ccà de ddà.
 
Cu chiama a destra
cu chiama a manca,
cuomu ti stanca
stu: « Sienti ccà »!
 
Nc’è cu rispunde
cu bbuci muscia:
« Mone nc’è truscia,
chi bbue pe’ mmo’? »
 
S’incazza e dice
qu’ave d’avire
lu dieci lire:
« Lu vuogghiu mo’ ! ».
Mpatti ha ragiuni,
paga li tassi,
e senza ncassi
com’ha mu fa?
Oje lu mundu
nguaiatu è assai,
miseria e guai
pe’ tutti nd’ha!...

 

Gli agenti delle tasse si presentavano, oltre che nei sogni dei debitori, nella loro vita quotidiana. Spesso erano esposti all’odio e talvolta alla ritorsione e alla vendetta popolare. Essi sono un triste ricordo di uno Stato repressivo che spremeva fino all’inve­rosimile le povere popolazioni meridionali, a sostegno di una po­litica di grandezza.
Qui, in rapida successione di quadri Giuseppe Vono coglie, assieme al colore, la gravità e la pena dell’umiliazione generale. La quartina finale, lapidaria, riassume e condensa l’amarezza dell’autore e di tutta la comunità.
La poesia fu premiata, il 18 agosto 1969, al concorso di poesia dialettale «I tre colli di Catanzaro»,
 
GLI USCIERI.
Vedi gli uscieri / giornate intiere / andare girando / di qua di là. / Chi chiama a destra / chi chiama a manca, / come ti stanca / questo: «Senti qua»! / C’è chi risponde / con voce debole: / « Ora c’è penuria, / che vuoi per ora? ».
Si altera e dice / che ha da avere / il dieci lire: / « Lo voglio adesso! » / Infatti ha ragione, / paga le tasse, / e senza incassi / come deve fare? / Oggi il mondo / inguaiato è assai, / miseria e guai / per tutti ce n’è!...