ARIA DE TRUSCIA

ARIA DE TRUSCIA
Passa lu tiempu, e ppare
ca l’affari cchjù s’ammuscia...
Madonna mia, chi truscia
tremenda chi nc’è mmo’.
 
Cuomu si po' risistere,
chista è nna cosa seria:
ammienzu sta miseria
vivere no’ ssi po’.
Vidi la gente pallida
a testa vascia e muta
chi mmancu ti saluta:
pare ch’a luttu sta.
 
Nc’è puru cu sta ccomudu
e fface ca si lagna,
la crisi no’ ssi Spagna
ca dinaruzzi nd’ha.
 
Si li mbicini e cierchi
mu parri de dinari,
sienti: su’ tiempi amari...
dinari?... e duve su?
 
Va’ dinci a ncunu: « Priestemi
nna sula menza lira »,
lu sienti chi ssuspira,
no’ tti rispunda cchjù.
 
Si vuardi a li putihj
uc'è rroba nzin’a fini,
ma si nno' nc'è quattrini
cu ca...gnu ti nda dà?
 
Cridenza? E’ nu ricuordu
d’c tiempi de na vota,
ca mo’ sta scrittu a nnota:
« Cridenza no’ ssi fa ».
Si more de la fami,
è chissu lu taluornu
d’ognunu notte e juornu,
e riparu no, non d’ha.
E cchista dittatura,
chi cchiamanu suvrana,
cu ffacci de pputtana
nega sta verità!...
1936-

 

Truscia è sinonimo di fame, nel linguaggio popolare. La te­matica di questa composizione si riallaccia, alla lontana, a quella di alcune delle « Poesie di Mastru Brunu» (Bruno Alfonso Pelaggi, di Serra San Bruno, 1837-1912, Tip. Fata, Catanzaro, 1965, scoperto e rivalutato in questi nostri anni per la sua titanica voce di protesta, per la poderosa battaglia sociale, che per tanti versi è risultata anticipatrice della pubblicistica sulla «questione me­ridionale». Della sua raccolta ricordiamo, in particolare, i versi Ad Umberto I re d’Italia, Ricorso al Padreterno, Canto disperato, che hanno la durezza del macigno). Una recentissima edizione critica delle sue poesie è quella curata da Giampiero Nisticò per le Edizioni Effe Emme di Chiaravalle Centrale (1978).
In toni solenni, in questa Aria de truscia emerge la dramma­ticità delle condizioni della gente vista nel crescendo impressio­nante del passare dei giorni sempre più tristi. Si tratta di «truscia/tremenda », di porcaccia miseria. Il quadro che segue rie­sce veramente funereo: gente pallida, a testa bassa, muta, pare star a lutto. Una diversione, necessaria a completare il quadro, è quella della roba che giace invenduta nei negozi, in cui campeggia la scritta: Qui non si fa credenza.
La puntata finale costituisce un siluro contro la dittatura che, ’cu {facci de pputtana / nega sta verità!’. A parte le esigenze dell’ispirazione, si avverte che l’autore intende mettere allo sco­perto le pessime condizioni di vita, in evidente contrasto con la facciata ufficiale dei paroloni, delle adunate, delle parate, delle manifestazioni di grandezza, dei pomposi, roboanti richiami al­l’Impero di Roma.
Scritti negli anni 1936-37, i versi — come quelli delle due com­posizioni seguenti — costituiscono un esemplare documento a so­stegno delle tesi di coloro che ritengono diffusa, nel corso del ven­tennio, l’opposizione al regime da parte dei più avveduti e coscien­ti cittadini.
ARIA DI FAME.
Passa il tempo, e pare che / l’affare di più s’indebolisce... / Ma­donna mia, che fame / tremenda che c’è adesso!
Come si può resistere, / questa è una cosa seria: / in mezzo a questa miseria / vivere non si può.
Vedi la gente pallida / a testa bassa e muta / che neppure ti saluta: / pare che stia a lutto.
C’è pure chi sta comodo / e fìnge di lagnarsi, / non ha paura della crisi / chè deuarucci ne ha.
Se li avvicini e cerchi / di parlare di denari, / senti: son tem­pi amari.../ denari?... e dove sono?
Va’, di’ a qualcuno: « Imprestami / una sola mezza lira », / lo senti che sospira, / non ti risponde più.
Se guardi ai negozi / c’è roba senza fine, / ma se non ci sono quattrini / chi ca...volo te ne dà?
Credenza? / E’ un ricordo / dei tempi di una volta, / chè ora sta scritto a nota: / « Credenza non si fa ».
Si muore dalla fame, / è questa la tiritera / d’ognuno notte e giorno, / e riparo no, non ce n’è.
E questa dittatura, / che chiamano sovrana, / con faccia di puttana ! nega questa verità!...