Biografia Domenico Vono

Biografia Domenico Vono

 
Domenico Vono è nato a Curinga (Cz) il 4 maggio 1927.
Nella scuola elementare del paese ha appreso i primi rudimenti della lingua italiana, mentre in un'altra scuola, la bottega del padre, il sarto Giuseppe, ha maturato il gusto della lettura e l'amore per la poesia. Giuseppe Vono, apprezza­to autore di poesie in italiano e in vernacolo, era infatti uno di quegli artigiani che seppero animare in tanti paesi calabresi un dibattito culturale che farebbe impallidire le comunità scolarizzate di oggi.
Dedicatosi all'attività commercia­le, Domenico Vono, compone poesie in vernacolo, ottenendo riconoscimenti in numerose manifestazioni.
Ha pubblicato nel 1989 la sua prima raccolta: Lu saccu.
 
Lo scopo dichiarato dell'autore è quello di salvare dall'oblio vocabbuli perduti dell'antico dialetto del suo paese, nella speranza di meritarsi per questo, se non l'immortalità concessa ai grandi, un piccolo posto nella memoria delle nuove generazioni: sti vocabbuli mpoisia /vi lì dassu cu nnu dittu, / ncuna vota puru a mmia/mi penzati pe stu scrittu.
 
Piuttosto che indossare i panni del vecchio brontolone che contrappone un 'buon tempo antico' mai esistito ai mala tempora del presente, Vono cerca di ricomporre la frattura tra le generazioni sulla base di un confronto sereno fra la ricchezza dell'esperienza di chi è ormai al tramonto della propria vita (ma non per questo rinuncia ad esercitare un ruolo attivo nella società) e il legittimo desiderio, anzi il dovere, dei giovani di puntare a nuovi traguardi: .... si bbua cchjiù miàgghjiu mu camini, /li canusciànzi tua mu sunu tan­ti, /musciàgghji quala strata mu ti mini, /girati arrìàdi e ppua camina avanti.
Scorrendo le pagine di questo libro, incontreremo tipi e situazioni quasi familiari, perché li abbiamo incontrati in pagine della letteratura 'maggiore': lu ruppimìàntu non ricorda forse il seccatore di Orazio? E lu jettaturi non ci richiama La patente di Pirandello? Ma chi conosce Vono, chi conosce la vita, sempre uguale per certi aspetti, dei piccoli paesi di Calabria non fatica a convincersi che non sono le immagini poetiche a ripetersi da un autore all'altro, è piuttosto la vita stessa, che si presenta sempre uguale, a imporre quelle immagini.