Lucerne - U Progressu

U progressu
 
Mi vena quasi gula mu jestimu,
mannaja li ricchezzi e lu progressu.
Mannaja! Ca no ssacciu duva simu
o duva ha’ mu arrivamu de stu passu.
 
No ssi capiscia cchjiù chi bbo’ la ggente,
e cquantu nda cumbina pe ddinari,
pronta m’ammazza cùàmu hussa nente
tutti l’amici, puru li cchjiù ccari.
 
Ognunu vo’ ddinari a nno ffinira
pe lu telefoninu e ppe lu lussu,
ognunu vo’ cchjiù bbellu cumparira,
u virdi a ccostu mu diventa russu.
 
Televisioni e rradiu ad ogni ura
trasmettanu notizi de turruri,
notizi chi mmi mèntanu mpagura,
de droga, de omicidi, de torturi.
 
E ppe li mezzi nùàvi chi nci sunu,
su ccommidi ma custano assai cari,
mu li pussìda mona cerca ognuno
e ttuttu ha mu trova li dinari.
 
Quasi mbidìju i tìampi de zzia Titta,9
pe ccui si scrissa u libru Tìampi infami,
 quandu si hatigava pe nna pitta
pecchi la ggente palijava hami.
 
Nc’era la ggente muta e disperata,
ma cu ssempe cchjiù àvutta la testa
cu ccoraggiu, cu ddignità stimata,
coraggiu e ddignità de ggente onesta.
 
Lu latru venia misu a li galìari,
perzuna degna sulu de la gogna,
mo’ mbecia ti lu hanu cavallìari
e ppemmu è llatru cchjiù no ssi virgogna.
Mi vena quasi gula mu jestimu,
mannaja la ricchizza e lu progressu.
Mannaja! Ca no ssacciu duva simu
o duva ha’ mu arrivamu de stu passu.

 

Mi viene quasi voglia di bestemmiare, / mannaggia alla ricchezza e al progresso. / Mannaggia! Perché non so più dove ci troviamo / o dove arriveremo di questo passo. / Non si capisce più cosa vuole la gente, / e quante ne combina per denaro, / pronta ad uccidere come fosse niente / tutti gli amici, anche i più cari. / Ognuno vuole denaro a non finire / per il telefonino e per il lusso, / ognuno vuole mettersi in mostra / a costo di far diventare rosso il verde. / Televisione e radio continuamente / trasmettono notizie di eventi terrificanti, / di droga, di omicidi, di torture. / E i nuovi mezzi che oggi ci sono, / sono comodi, ma costano molto cari. / Ognuno cerca di entrarne in possesso / e fa di tutto per procurarsi i soldi. / Quasi rimpiango i tempi di “zia Titta”, / per pubblicare le cui poesie venne stampato il libro Tempi infami, / quando si lavorava per guadagnare appena di che comprarsi una focaccia / perché la gente aveva fame [non aveva di che pagare], / C'era gente silenziosa e disperata, / ma sempre con la testa alta, / con coraggio, con dignità apprezzata, / coraggio e dignità di gente onesta. / [Allora] il ladro veniva messo in galera, / [era considerato] persona degna solo della gogna, / ora viene invece nominato cavaliere / e non si vergogna più di essere un ladro. / Mi viene quasi voglia di ’bestemmiare, / mannaggia alla ricchezza e al progresso. / Mannaggia! Perché non so più dove ci troviamo / o dove arriveremo di questo passo.