A Bettina

A Bettina
(Ricordando il nostro lungo viaggio)
 
Dopo tant'anni di vita d’oltremare
ritornavo al natio borgo selvaggio,
stanco e deluso del mio lungo andare,
affaticato da si lungo viaggio.
 
Senza entusiasmo o ardore giovanile,
sostai indeciso su che cosa fare,
quando scorsi il tuo volto femminile,
sprizzante gioventù a luci chiare.
 
Scoccò una scintilla e d'improvviso
tutto il mondo mutò in alba lunare,
nacque l’amore ed il tuo bel sorriso
 
mi spinse ancora a vivere ed amare.
Mi rispecchiai nel tuo gentile viso,
e la vita tornò per me esemplare.