Sporting Davoli in Promozione; Ansel ai Play-off;

A palle Ferme
Il Dado è tratto: Sporting Davoli in Promozione;
Nuova Limbadi - Filogaso e Serrese - Ansel Acconia ai Play-off;
Bivongi Pazzano - San Calogero ai Play-Out;
Uesse Catanzaro e Nuova Valle in II Categoria.
 
Curinga 4-05-2010 - Più che una domenica di "Fuori Porta", questo 2 Maggio è sembrato una domenica "Dentro la Porta" intesa come numero di reti segnate in questa ultima giornata di campionato di Prima Categoria girone C.
Ben 62 reti messe a segno dalle squadre di questo girone, con le squadre di Acconia di Curinga in netta evidenza rispetto a tutte le altre per averne in due, segnate ben 19.
Goleade che, nella maggior parte dei casi si sono rivelate inutili perchè, chi aveva rincorso e raggiunto i propri obiettivi, si è lasciato andare (vedi Filogaso, Nuova Polisportiva Acconia, Nuova Filadelfia e Uesse Catanzaro) mentre altre, hanno preferito schierare formazioni rimaneggiate pensando già da ora ad una rifondazione per poter raggiungere quegli obiettivi che sono stati totalmente mancati o semplicemente sfiorati in questa stagione sportiva.
Promosso lo Sporting Davoli a pieni voti per avere proposto il miglior gioco del campionato, per avere ottenuto un numero considerevole di vittorie (20), per averne perso meno partite delle altre (solo 2), per aver saputo difendere la sua porta (16 reti subite) e per avere perforato quella degli altri per ben 71 volte. Tutti dati considerevoli visto che ha avuto la miglior difesa e il migliore attacco di tutte le squadre partecipanti ai quattro i gironi di Prima Categoria Calabrese. Complimenti.
In questo girone, oltre a questi meritevoli risultati da record, c'è anche quello negativo che è legato alla squadra dell'Uesse Catanzaro, per avere ottenuto una sola vittoria in campionato e per avere ottenuto il minor numero di punti in classifica generale rispetto a tutte le altre squadre di tutti gli altri gironi ( solo 5 punti). La situazione più disastrosa la ha manifestato in difesa per avere subito ben 112 reti in sole 30 partite giocate; una media non invidiabile di 3,73 reti subite per ogni partita giocata.
In questo girone retrocedono in II Categoria la Uesse Catanzaro e la Nuova Valle con una coda di Play-Out che vedrà impegnate le squadre del Bivongi Pazzano e del San Calogero.
La classifica finale ha stabilito anche gli accoppiamenti dei Play-Off con il Filogaso favorito fra tutte ma, attenti anche alla Serrese che ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per riuscire nell'impresa promozione.
Potrebbero riuscirci anche Nuova Limbadi ed Ansel Acconia, ma le squadre hanno già dimostrato di essere sature di soddisfazioni e difficilmente vorranno procedere oltre.
In realtà, sono i costi di gestione delle squadre che, spesso, impediscono il passo più lungo di quello che si potrebbero permettere; certi obiettivi di promozione infatti, si possono perseguire solo dove ci sono risorse economiche tali da potersele permettere .
Per quanto riguarda l'Ansel Acconia, la situazione è ulteriormente complicata visto che sullo stesso bacino di utenza operano altre tre squadre quasi tutte della stessa categoria.
Domando: ed un tentativo di conquista di Promozione da parte dell'Ansel Acconia con la prospettiva di un possibile "consorzio" ed unificazione delle squadre curinghesi? Perchè non pensarci? Certo è che i tempi per decidere sono troppo ristretti ma, un pensierino sarebbe il caso di farlo.
In alternativa, una (utopica ?) idea sarebbe quella di coinvolgere in un simile progetto tutte le squadre del circondario, Filadelfia e Francavilla compreso, non escludendo San Pietro a Maida che ha già vissuto certe scottanti realtà, ma che di proprio, ogni singolo paese  dispone di strutture sportive certamente superiori a quelle di cui dispone la sola Curinga. Se i comuni riescono a consorziarsi per altri problemi raggiungendo brillanti risultati, perchè non pensare ad un "Obiettivo comune nello Sport ?".
Il Sito www.curingaonline.it propone, da oggi,  un mini sondaggio, votatelo.
 Er. Ga.
 
Palla al centro: Ed ora “Play-Off” .
Filogaso favorita ma,
Serrese ed Ansel Acconia non staranno a guardare
 
                             
 
 Curinga 7-5-2010 - Finita la prima fase del campionato di calcio di Prima Categoria, si passa ora alla disputa dei Play-Off e Play-Out che dovranno stabilire rispettivamente quale dovrà essere la seconda squadra a passare in Promozione e quale quella che dovrà abbandonare questa categoria retrocedendo in seconda.
La classifica finale ha stabilito che l’Ansel Acconia sarà accoppiata alla Serrese mentre il Filogaso alla Nuova Limbadi con Serrese e Limbadi ad ospitare la prima delle due partite da disputare, così come previsto da regolamento federale.
E’ arrivato quindi il momento della “resa dei conti” dopo un campionato lungo, combattuto ed esaltante.
C’è ora da stabilire chi avrà voglia di procedere oltre e chi vorrà perseguire fino in fondo l’obiettivo della Promozione.
Non tutte potranno  permettersi il mantenimento di una categoria superiore perché, per poterlo fare, sono necessari capitali perché le spese da sostenere sono esosi e gli sponsor, disponibili a perseguire questi obiettivi di prestigio non è facile reperirli. Per questi motivi, tra le quattro squadre coinvolte, non tutte sono convinte e disponibili a procedere oltre.
Anche se "Campionati Dilettantistici", i costi per poterli mantenere sono eccessivi e purtroppo, non tutte le squadre se lo possono permettere o, per meglio dire, anche se ne avrebbero possibilità tecniche non disporrebbero di possibilità economiche per poterlo fare. Le squadre, a questi livelli, sono espressione di piccole comunità non necessariamente attrezzati di sponsor tali da perseguire fino in fondo certi obiettivi.
L’agonismo e l’orgoglio pone comunque le squadre partecipanti ai Play-Off in una condizione tale da poter dare il meglio di loro stesse, disputando partite  di qualità e fornendo spettacolo esaltante perché ciò è nelle loro possibilità avendolo già dimostrato durante lo svolgimento del campionato.
L’idea sarebbe quella di perseguire il massimo obiettivo perché, a rinunciarvi, c’è sempre tempo. In ogni caso, se le squadre, dirigenze comprese  ne avranno voglia, potranno fare grandi cose e disputare grandi partite fornendo spettacolo per tutti quelli che avranno la fortuna di potervi assistere.
Per quanto detto, i pronostici non sono facili e non possono essere prevedibili; la favorita è, per tanti motivi, il Filogaso ma, attenti alla Serrese e all’Ansel Acconia che, se trovano gli stimoli giusti potrebbero rivelarsi vincenti.
Nei Play-Out c’è da disputare un derby tra Bivongi Pazzano e San Calogero; è una partita difficile in cui la squadra favorita è il San Calogero anche perché il Bivongi è stato ampiamente decimato dalle squalifiche nella famosa partita di campionato persa poi a tavolino, contro lo Sporting Davoli.
Er. Ga.
 
SERRESE    2 - 0    ANSEL ACCONIA
SERRESE: Franzè II, Lo Bianco, Zaffino L., Fortebuono, Lattari, Scidà, Greco, Pisani M., Russo (44' st Tassone), Stumpo N., Franzè I (45' st Guido).
In panchina: Visconti, Ghiera, Randò, Pisani G., Zaffino V.
Allenatore: Stumpo A.
ARBITRO: De Marco di Cosenza
(Mendicelli e Borrelli di Cosenza)
ANSEL ACCONIA: Matarazzo, Muraca S., Muraca L., Orlando M., Frijia, Di Cello S., Colloca, Morelli, Orlando C. (37' st Torcasio), Arcuri, Vasta (6' st Di Cello L.). Panchina: Lepore, Perugino, Scopelliti. Allenatore: Galioto 
MARCATORI:23' pt (rig) e 29' st (rig) Russo
 
NOTE: giornata primaverile, terreno in buone condizioni. Spettatori: 150 circa. Espulso: al 28' st Frijia (A). -Ammoniti: Di Cello S. (A), Morelli (A), Zaffino L. (S), Orlando C. (A), Tassone (S) per gioco scorretto; Franzè Do. (S) per proteste. Angoli: 4-4.
Recupero: l'e 5'.
 
Play Off Girone C. Netto successo dei padroni di casa sull'Ansel
La Serrese mostra i muscoli
 
di MIRKO TASSONE
SERRA SAN BRUNO 9-5-2010 - Una Serrese superlativa mette alle corde l'Ansel Acconia e sì aggiudica la gara d'andata degli spareggi promozione. I primi a mostrare le unghie sono gli ospiti che, al 10', ci provano con Morelli. La reazione ospite non si fa attendere ed al 23' Fortebuono impegna severamente Matarazzo che si salva in angolo. Sugli sviluppi del corner un evidente fallo su Greco procura ai padroni di casa la massima punizione che Russo trasforma senza problemi. La Serrese pigia il piede sull'acceleratore ed al 40' sfiora il raddoppio con Lattari, ma Matarazzo ci mette una pezza. Nella seconda frazione di gioco, gli ospiti scendono in campo con l'intenzione di riportare in equilibrio la gara. La difficoltà di superare la muraglia serrese causa un progressivo aumento della tensione sportiva che sfocia in una serie di falli di frustrazione. Al 61' da posizione favorevole Di Cello L. calcia tra le braccia di Franzè venendo immediatamente emulato da Stumpo, sul conseguente capovolgimento di fronte. Al 73' la Serrese trova il raddoppio grazie alla complicità dell'ingenuo Frijia che, in piena area, abbatte Stumpo causando l'espulsione ed il secondo rigore della partita. Dal dischetto si presenta Russo che trasforma la rete del doppio vantaggio.
Il Quotidiano
 
 
A palle Ferme
Non solo voglia di fare,
ma anche possibilità per poter fare.
 
Curinga 11-05-2010 - Mentre Serrese, Ansel Acconia, Filogaso e Nuova Limbadi si contendono l'ultima possibilità ai Play-Off, a San Giovanni in Fiore, lo Sporting Davoli conquista la Coppa Regione che si disputa, anno per anno, tra le vincitrici dei quattro gironi di Prima Categoria che quest'anno sono state: Silana, Corigliano, Sporting Davoli e Nuova Rizziconese.
Questa conquista, anche se ottenuta con difficoltà ed ai rigori, ci fa piacere perchè si tratta di una squadra proveniente dal girone C, che quindi conosciamo bene per averci allietato e divertito col suo gioco spumeggiante e con alcune sue individualità che sono apparse di categoria superiore.
I Play-Off, che coinvolgono anche l'Ansel Acconia, hanno visto, nella prima partita, la vittoria della Serrese sull'Ansel Acconia ed il pari tra Nuova Limbadi e Filogaso.
I risultati maturati favoriscono, per il momento, il Filogaso e la Serrese ma, Ansel Acconia e Nuova Limbadi, se la giocheranno fino in fondo anche se, apparentemente sembrano squadre già appagate da quanto hanno già conquistato.
Più vogliose di raggiungere l'obiettivo finale sembrano Serrese e Filogaso, perchè economicamente forti, e perchè da questo punto di vista si possono permettere una eventuale promozione.
Una possibile "Promozione" in categoria superiore implica un "rigonfiamento" delle spese in modo esagerato e, reperire i capitali che possano garantire una adeguata e degna partecipazione, per i tempi che corrono, non è facile.
In effetti non è facile perchè, pur definendo questi Campionati "Dilettantistici", in pratica non lo sono per niente e, per rendercene conto, facciamo adesso un breve resoconto su ciò che amministra, in termini di soldi, la Lega Calcio Dilettanti  scoprendo che, alla fine, per la stessa, è "un buon affare".
Per brevità, ci limiteremo a trattare solo i campionati di Promozione, di Prima, Seconda e Terza Categoria, tralasciando il Campionato di Eccellenza, i campionati di calcio a cinque, i campionati amatori, i campionati di calcio femminili e, i campionati Allievi e Juniores che ci sono per tutte le categorie citate.
I dati riportati non sono inventati ma sono scaricati dal sito www.crcalabria.it dove vengono pubblicati ogni Mercoledì tutti i bollettini ufficiali, soprattutto quelli che riguardano il Giudice Sportivo.
1) Campionato Promozione, 31 squadre partecipanti:  Tassa di iscrizione Euro 6.300
2) Campionato Ia Categoria, 64 squadre partecipanti:  Tassa di Iscrizione Euro 4.000
3) Campionato II Categ.     , 117 squadre partecipanti: Tassa di Iscrizione Euro 2.850
4) Campionato III Categ.    , 124 squadre partecipanti: Tassa di iscrizione Euro 2.200
Queste sole cifre fruttano alla Lega ben 1.057.550 Euro (unmilione57mila550euro).
(Oltre due Miliardi delle vecchie lire).
A queste cifre vanno aggiunte quelle derivanti dal Tesserino di Riconoscimento dei giocatori che la Lega mette a disposizione di tutte le squadre alla modica cifra di 2.60 Euro.
Sembra nulla ma, per un numero medio di 20 giocatori a squadra e per un totale di 336 squadre (limitate sempre alle categorie che ci interessano), fruttano tra le 18.000 e le 20.000 Euro all'anno.
Non illudiamoci perchè, non è finita qui la "lista della spesa" in quanto le società, debbono autonomamente provvedere alle visite mediche di ogni singolo giocatore e non si possono sottrarre dalle Ammende inflitte dal Giudice Sportiva che, come vedremo , sono spesso dei veri e propri salassi, con cifre imprevedibili.
Per farci una semplice idea, quest'anno le ammende hanno sfiorato i Cinquantamila Euro (44.525 Euro per la precisione) ma ciò che ci rende sospettosi, è che per una media ammende settimanale di Euro 1.650,00 circa, il periodo Natalizio le stesse aumentano vertiginosamente raggiungendo cifre inaudite. (Bollettino 24 Dicembre 2009 Ammende Euro 5.125).
E' puro caso o sono i Panettoni che lievitano le Ammende?
Si può anche notare che nel periodo Pasquale, le Colombe non costano meno.
Le Motivazioni più comuni? 
1) Per ritardata presentazione della distinta di gara;
2) Vengono rivolte frasi ingiuriose nei confronti dell'arbitro.
Ciò che fa ulteriormente pensare è che spesso le ammende vengono spalmate su tutte le squadre partecipanti e si limitano a sole 50,00 Euro ma, per poter fare ricorso e cercare di portare avanti le proprie ragioni, bisogna spenderne 70,0 di Euro, per cui, conviene mantenere il proprio torto.
A tutte queste spese, alcune prevedibili ed altre assolutamente imprevedibili, sono ancora da aggiungere i "costi giocatori" che sono quelle che, la spesa, la gonfiano maggiormente.
Del resto, se si vogliono raggiungere obiettivi importanti, è necessario costruire una squadra importante e questo, introduce inevitabili spese di gestione.
Le squadre di Curinga in questo contesto di spese, sono le più svantaggiate  perchè, oltre a disporre di pochi giocatori del luogo a costo zero, non hanno attualmente alcuna possibilità di incasso dagli spettatori presenti alle partite e non possono fare affidamento nemmeno su un contributo Amministrativo dall'ente comunale perchè non c'è mai stato e mai forse ci sarà.
Il discorso a questo punto si chiude da se, e si può solo dedurre che gli sponsor, da soli, non possono sopperire a tutte le spese che via via si presentano durante il corso di un campionato e se non ci sono altri appigli dove potere attingere fondi, il calcio a Curinga, è destinato a morire.
 
Er. Ga.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Palla al Centro, si ricomincia:
Atteggiamento rinunciatario delle squadre o,
vera gloria?
Curinga 14-5-2010 - Secondo round della fase finale dei Play-Off per le squadre dei quattro gironi di Prima Categoria Calabrese con Filogaso e Serrese, squadre appartenenti al girone C, alla ricerca di quel risultato che possa confermare il loro passaggio al turno successivo.  
L'Ansel Acconia riparte da una immeritata sconfitta maturata a Serra San Bruno con due rigori concessi benevolmente dal direttore di gara di turno.
Dovrà ora dimostrare che, quella ottenuta dalla Serrese, è stata vera gloria e non gloria frutto di atteggiamento rinunciatario tenuto in campo dalla squadra. In effetti, si è capito che, i giocatori dell'Ansel non stanno soffrendo la stanchezza del lungo campionato, o il caldo sopraggiunto o il confronto con le avversarie di pari livello o di livello loro superiore ma, stanno soffrendo semmai, un malcontento di spogliatoio ed un aspetto frenante che la dirigenza sta imponendo loro perchè, andare oltre significherebbe andare incontro ad ulteriori  costi che, la società, così come è strutturata, non potrebbe sostenere.
In questa rubrica  e in altra occasione si è parlato di "dovere sportivo" che la squadra ha l'obbligo di tenere fino in fondo perchè, c'è sempre tempo per i ripensamenti e le rinunce agli eventuali titoli qualificativi che la squadra potrà ottenere.
Se è l'Ansel Acconia a non voler procedere oltre, ci saranno tante altre squadre che vorrebbero farlo ma, non avendo titolo per poterlo fare, potrebbero acquisirlo (o comprarlo) dalla squadra vincente così come è capitato in tante altre occasioni.
Stesso discorso per la Nuova Limbadi che nel primo confronto Play-off col Filogaso, giocato tra le mura amiche, ha solo ottenuto un pari (1-1).
Il "dovere sportivo" impone un atteggiamento più consono all'evento perchè rinunciare senza lottare è un comportamento "antisportivo".
Un appello quindi alle squadre, affinché mettano in campo quel sano e indispensabile agonismo  che, di solito, esaltano e rendono avvincenti questi incontri di calcio facendo sognare i propri tifosi.
Se alla fine dovrà essere sconfitta, sconfitta sia, riconoscendo onori e meriti alle squadre vincenti ma riconoscendo anche il "positivo" che si è fatto durante il campionato raggiungendo obiettivi massimi e avendo avuto la possibilità di togliersi tante soddisfazioni per avere "sottomesso" avversari ritenuti più forti e più qualificati.
Anche i tifosi potranno accettare sconfitte maturate in questo tipo di partite ma, sicuramente, sono quelli che non vanno mai traditi nelle loro aspettative perchè hanno saputo sempre sostenere e ringraziare i loro giocatori per averli fatti divertire ed avere fatto trascorrere loro domeniche sportive esaltanti apprezzando ed ammirando le loro prestazioni sportive in campo.
Alla fine, "che vinca il migliore".
Er. Ga.
 
ANSEL ACCONIA    2 - 0     SERRESE
ANSEL ACCONIA: Matarazzo, Muraca S., Muraca L., Orlando M.,  Di Cello S., Colloca, Vasta, Morelli, Torcasio(1' s.t. Orlando C.), Arcuri,  Di Cello L.
Panchina: Lepore, Perugino, Scopelliti. Frijia,Orlando C.
Allenatore: Galioto 
MARCATORI: 38' s. t. Orlando 43' s.t. Arcuri (rig)
SERRESE: Viscomi, Lo Bianco, Zaffino L., Fortebuono, Lattari, Scidà, Greco, Pisani M., Russo, Stumpo N., Guido.
In panchina: Franzè II, Tassone, Franzè I,  Ghiera, Colacchio, Pisani G., Zaffino
Allenatore: Stumpo A.
ARBITRO
Orlando e Arcuri spingono in alto
l'Ansel Acconia
Acconia di Curinga 16-5-2010
Ansel Acconia 2, Serrese 0; restituita la sconfitta subita a Serra San Bruno da parte dell'Ansel che, per effetto della classifica avulsa, passa al turno successivo dei Play-Off.
Una partita che ha riservato tutte le emozioni nel finire del secondo tempo quando Orlando prima ed Arcuri dopo, anno messo al tappeto una volitiva Serrese.
Squadre scese in campo con l'intento di vendere cara la pelle, con Mister Stumpo che conferma i 10/11 della  squadra che aveva vinto 2-0 la partita di andata mentre Mister Galioto, preferisce  tenersi, per l'intero primo tempo, "l'asso vincente (Orlando)"  in panchina. La scelta è stata dettata  anche da uno stato febbrile che ha colpito in questi giorni l'attaccante Orlando.
L'Ansel non vuole rinunciare al risultato e alla possibilità di procedere oltre, e forse, potrebbe convincersi a fare qualche ulteriore passo avanti.
Il primo tempo scorre senza pericolose iniziative delle squadre in campo anche se, una leggera supremazia territoriale è ad appannaggio della squadra di casa.
La Serrese è convinta di poter controllare la partita, facendo semplicemente scorrere il tempo, perchè forte del risultato di due a zero maturato nella partita giocata a Serra San Bruno. In effetti la partita non ha particolari sussulti per un intero primo tempo tranne nel finale quando Vasta, da posizione favorevolissima colpisce la traversa. E' il primo campanello d'allarme.
Nessun pericolo invece per Matarazzo che gestisce la sua area con padronanza trascorrendo un primo tempo in assoluta tranquillità.
Il secondo tempo vede Orlando al centro dell'attacco dell'Ansel segno evidente che Mister Galioto vuole tentare di vincere la sua partita.
La Musica cambia perchè Orlando, è uno di quei giocatori che trasformano palle apparentemente innocue in palle pericolose e possibili da trasformarsi in rete.
Prova una prima volta a sfondare sulla sinistra ma, il portiere si oppone in tuffo al suo tentativo. Non riesce nemmeno il secondo tentativo, sempre dalla sinistra, dove Orlando impone al suo avversario la sua potenza fisica e la sua velocità.
Innescato da Arcuri, trova sempre spazi ideali dove eseguire le sue scorribande con le quali mette sempre scompiglio nella difesa avversaria.
Gli ospiti lasciano ancora trascorrere il tempo, non rendendosi ancora conto del pericolo che incombe con Arcuri, Orlando e Di Cello Luigi che hanno innestato una marcia diversa da quella del primo tempo.  Matarazzo rischia di capitolare solo su due calci da fermo, calciati dal limite dell'area ma, la voglia di ottenere il risultato si fa sempre più forte fino a quando, Orlando, innescato dal solito Arcuri, trafigge il portiere ospite.
Mancano solo sette minuti alla fine della partita per cui, la Serrese comincia a tremare e, non a torto perchè, su un tentativo di tiro a rete, un difensore ferma la sfera diretta verso la porta con la mano e quindi, è rigore, che il direttore di gara concede senza alcuna esitazione.
Ci pensa Arcuri, con freddezza, a trasformare in rete un pallone che bruciava e che, alla fine ha significato il passaggio al turno successivo della sua squadra, sommando ulteriore gloria a tutta quella già conquistata.
Una vittoria che ha convinto anche i più scettici delle possibilità che ha questa squadra. Una squadra che, se assecondata e seguita, può fornire prestazioni esaltanti e consegnare ai suoi tifosi soddisfazioni impensabili.
Per ora si va oltre, alla prossima, si vedrà.
 Er. Ga.
 
 
 
 
 
A palle Ferme
Ansel Acconia: il risveglio dei Leoni.
 
Curinga 18-05-2010 - Eppure, dopo aver visto il primo tempo della partita giocata tra Ansel Acconia e Serrese valevole per la qualificazione alla seconda fase Play-off, nessuno si sarebbe aspettato il "risveglio dei leoni" che, nell'ultimo quarto d'ora, hanno messo in ginocchio gli ospiti, mandandoli a casa con un "uno - due" eseguito alla perfezione dal duo Orlando - Arcuri.
Un risveglio che ha fatto tanto piacere ai tifosi, riconoscendo alla fine tutti i meriti sia ai giocatori scesi in campo che a mister Galioto, per avere portato la squadra alla vittoria in una partita difficile che disponeva già di un esito sfavorevole che riguardava il risultato finale del primo incontro e che vedeva l'Ansel perdente per 2-0.
Non facile il recupero, soprattutto dal punto di vista psicologico ma, con un atteggiamento tattico praticamente perfetto, l'Ansel ha portato in porto un risultato che ne sottolinea ancora una volta il valore di questa squadra, più volte disconosciuto da molti personaggi "scettici" dello sport locale.
Un "uno - due" che ha messo al tappeto l'avversario , incapace di proporre, alla fine, qualsiasi tipo di reazione. Complimenti a tutti gli addetti ai lavori.
Anche il Filogaso è riuscito a superare il primo turno Play-off ma, a differenza dell'Ansel Acconia, ha fatto soffrire più del dovuto i propri tifosi perchè in svantaggio sul proprio terreno di gioco e che ha dovuto rincorrere un risultato riuscendo alla fine a conquistarlo.
Un 1-1 simile a quello della partita di andata ma che promuove la squadra di casa, per la miglior classifica ottenuta durante il campionato.
Ed ora, scontro tra le due squadre che, dopo lo Sporting Davoli hanno meglio figurato durante il campionato conquistando la seconda e terza posizione in classifica generale.
Uno scontro che promette tanto, a condizione che da ambo le parti si abbia voglia di procedere oltre, così come hanno dimostrato fino ad ora.
Durante il campionato, è stata l'Ansel ad avere la meglio, sia nel girone di andata, vincendo per 1-0 sul proprio terreno di gioco, sia nel girone di ritorno andando a pareggiare 2-2 a Filogaso; se le cose si ripeteranno (cosa non prevedibile ma probabile) allora sarà l'Ansel a sperare nel salto di categoria o, per meglio dire, a conquistare il diritto per poterlo fare.
L'esito finale è molto incerto ma, in ogni caso, è legato alla voglia che i giocatori avranno nell'ottenere questo risultato di grande prestigio.
Potrebbero farsi un grande regalo e compensare così tutte quelle  difficoltà che hanno dovuto affrontare per l'intero campionato, sottoponendosi a grossi sacrifici e a grandi rinunce.
 In bocca al lupo e, vinca il migliore.
 
Er. Ga.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Palla al Centro, si ricomincia:
Tra il sale di Natale, l'olio di Pasqua
e le creme Estive, la Lega conclude ottimi affari.
 
Curinga 20-5-2010 - Una domenica Play-off dei Campionati Dilettantistici di Promozione e Prima Categoria, frutta alla Lega ben 4150 Euro per "provvedimenti disciplinari" presi dal Giudice Sportivo. Ottimo affare.  A rimetterci le penne per questa settimana sono state: l'Africo (1500 Euro), Lazzaro (500), Brancaleone (400), Sersale e Taurianova (200 ciascuno) per la categoria Promozione mentre per la Prima Categoria il Motta S.G. (400), Aiello Calabro (300), Pro Catanzaro e Cittanova (200 ciascuno), Nuova Limbadi (100) e Bivongi (50).
E noi continuiamo a chiamarli "Campionati Dilettantistici" quando in effetti, gli affari vanno a gonfie vele e il fatturato della Lega raggiunge cifre da capogiro.
Più che una azienda in difficoltà, è piuttosto una azienda fiorente e con ottime prospettive per il futuro. Se questi sono i risultati, c'è da pensare che, per la Lega, non sono le squadre di calcio o i calciatori che contano ma, semmai, i "soggetti di turno" dai quali poter trarre profitto, sempre e comunque, la cui entità, incontestabile, può variare secondo le esigenze di cassa.
Così facendo è possibile che diventano "salate" le Feste di Natale, diventano "pepate" le Feste Pasquali, ben "spalmate di crema" le vacanze estive.
Sarà normale? Constatate le cifre e le circostanze, sembra proprio di no.
E noi continuiamo a chiamarlo "Campionato Dilettantistico" .
L'importante è che si trovino le persone dedite alla ricerca di fondi per sostenere le squadre ma che in realtà, si ritrovano poi a sostenere economicamente una azienda ed un "carrozzone" che ha tutte le sembianze affaristiche tranne quella di un ente che promuove lo Sport, quello  "dilettantistico" e, con la esse maiuscola.
Dal momento che ci troviamo in ballo, balliamo fino in fondo con la nostra squadra, con l'Ansel Acconia che,  indipendentemente da questi aspetti, si sta comportando degnamente domenica dopo domenica, riservando ai suoi tifosi soddisfazioni sempre più esaltanti.
Ha, per ora, eliminato una forte concorrente come la Serrese e si accinge a fare la stessa cosa con il Filogaso che affronterà domenica prossima.
Il Filogaso è comunque altra squadra che ha ottenuto, sul campo, il diritto a proseguire nell'avventura Play-off e con la possibilità ulteriore di completare la sua avventura con un ulteriore passo avanti. Lo stesso passo avanti che potrebbe fare la squadra di casa dell'Ansel Acconia che, guidati da Mister Galioto, persona capace e competente, potrebbe imporsi come ha già fatto durante il campionato e contro gli stessi avversari.
La partita dovrebbe fornire un ottimo spettacolo visto che le qualità  tecniche non mancano e sono incontestabili per entrambe le squadre.
I tifosi sono speranzosi ma sono anche consapevoli delle insidie e delle difficoltà che la partita stessa nasconde. Non vogliono che i giocatori raggiungano a tutti i costi l'impossibile ma chiedono piuttosto alle "forze portanti" (Arcuri, Morello, Orlando e Di Cello L.) di fare questo ulteriore sforzo per raggiungere ciò che nessuna squadra curinghese ha fino ad ora raggiunto per poter scrivere in questo modo una "nuova pagina di storia".
Giochiamocela pensando che il meglio, potrebbe essere nascosto dietro l'angolo e, chissà, potrebbe anche succedere che, una volta raggiunto l'obiettivo massimo, qualcuno si faccia avanti con la voglia di voler procedere oltre.
 
Er. Ga.
 
 
ANSEL ACCONIA    0 - 0    FILOGASO
ANSEL ACCONIA: Matarazzo, Muraca S., Colloca,  Orlando M.,  Perugino V.,Scopelliti F.,(5' s.t. Torcasio).  Vasta, Morelli, Orlando C., Arcuri,  Di Cello L.
In Panchina: Lepore, Orlando C. Mercuri G.., Torcasio
Allenatore: Galioto 
Terna Arbitrale: Maraniello da Paola; Maiorano, Vilardi da Paola.
Angoli  4 a 3 per il Filogaso
FILOGASO: Vallone, Valotta R. F.,  Galati, ( 1' s.t. Augurusa), Barba, Carnovale (25' s.t. Teti), Sisi, Caputo, Imineo F.(5' s.t. Ruga), Valotta R.,  Arona, Liberto.
In panchina: Arone,, Teti, Condello, Ciurleo, la Neve, Ruga.
Allenatore: Bruni
Ammoniti: 5' p.t. Arona, 25' s.t. Carnovale, 26' s.t. Ruga
Recupero 1' p. t.-  2' s. t.
Play-Off
L'Ansel spreca troppo e il Filogaso
porta a casa un prezioso 0-0
Acconia di Curinga 23-5-2010 - Proprio così: l'Ansel spreca troppo ed il Filogaso porta a casa un vantaggioso zero a zero. Peccato. Poteva essere la partita della svolta finale ed invece si è conclusa con un "niente di fatto" che rimanda tutto a domenica prossima. Il Risultato non tragga in inganno perchè, in realtà è stata una partita avvincente, giocata a viso aperto da entrambe le squadre e combattuta fino all'ultimo minuto di gioco. Ansel che scende in campo in formazione rimaneggiata per la squalifica contemporanea della coppia centrale difensiva Frijia e Di Cello Salvatore.  I due sostituiti,  Perugino e Scopelliti, non hanno sfigurato anzi, si sono comportati egregiamente tamponando e costruendo gioco finché hanno potuto. Il Filogaso schiera tutte le sue forze migliori con l'idea di poter fare risultato  e potersi poi giocare, in serenità, la partita di ritorno. Equilibrio quasi assoluto per il primo tempo con l'Ansel protesa alla ricerca del vantaggio che spreca clamorosamente in più di una occasione. E' la seconda parte del primo tempo che registra le migliori occasioni dei locali,  con Scopelliti al 25' del p. t. che, nella ricerca del gol della domenica, colpisce al volo un pallone che era solo da depositare facilmente in rete. Spreca Muraca che, in piena area, al 35' si ritrova sulla testa la possibile palla per la rete del vantaggio ma, anche lui, spreca banalmente sfiorando il palo sulla destra di Vallone. Gli ospiti reagiscono solo su calci piazzati e, solo un minuto dopo del possibile vantaggio dell'Ansel, sfiorano la rete su calcio piazzato che Matarazzo sventa, di pugno, in angolo. Nell'unico minuto di recupero concesso nel primo tempo, ancora una buona potenziale occasione per i padroni di casa, con Orlando che viene atterrato al limite dell'area di rigore ma che il direttore di gara, tra le proteste del pubblico, gli fischia punizione contro per fallo di sfondamento. La ripresa non tradisce le aspettative e si apre con l'Ansel che tenta subito la via della rete ma che spreca banalmente da posizione favorevolissima, con Vasta, che spara alto sulla traversa. Le squadre non demordono e la lotta si fa sempre più avvincente con tentativi di andare a rete che spesso si esauriscono per errore dell'ultimo passaggio sia per l'una che per l'altra squadra. Qualche entrata dura, qualche ammonizione ma rispetto e correttezza tra tutti i giocatori in campo i quali, sono entrati sorridenti in campo e sono usciti nello stesso ed identico modo. Una buona giornata di sport, tra due squadre che si sono temute nel giusto modo, si sono proposti con il giusto agonismo in campo e che alla fine vengono premiati dai molti spettatori presenti, assiepati ai bordi della rete di recinzione, con applausi scroscianti per averli fatti assistere ad una partita piacevole e ben giocata da tutti i giocatori in campo. La rivincita, domenica prossima sul terreno di Filogaso, sperando che anche in questa nuova occasione, i giocatori che scenderanno in campo abbiano lo stesso atteggiamento sportivo dimostrato oggi in campo. Con questi propositi, in bocca al lupo ad entrambe le squadre e, vinca il migliore.   Er. Ga.
Finale play off Girone C. Primo atto senza vincitori né vinti
Ansel e Filogaso a reti bianche
di BRUNO SODARO
ACCONIA - Partita che le due squadre non riescono a schiodare il risultato iniziale. Gara giocata a tutto campo senza particolari tatticismi che ha visto entrambe le formazioni lottare fino all'ultimo minuto per aggiudicarsi la vittoria.
Ad un primo tempo equilibrato con i locali che, almeno in un paio di occasioni sfiorano la rete, nella ripresa Ansel più determinata alla ricerca della rete della vittoria.
Scopelliti, al 25', spreca una grossa occasione per portare in vantaggio la sua squadra.
Dieci minuti dopo è Muraca a sfiorare il palo con un bel colpo di testa. Gli ospiti si rendono minacciosi con Valotta che, su punizione, costringe Matarazzo alla respinta in angolo.
La ripresa inizia con un tiro di Vasta che termina sulla traversa. Poi si gioca a centrocampo e risultano inutili i capovolgimenti di campo delle due squadre. Il risultato non si sblocca. Tutto rimandato a domenica prossima, quando sul terreno di gioco di Filogaso le due compagini si ritroveranno di fronte per l'atto conclusivo della finale play off. Match ancora aperto ad ogni soluzione, anche se il Filogaso potrà contare sul miglior piazzamento ottenuto in campionato alla fine della regular season.
Il Quotidiano
 
Domenica prossima alle 16 il ritorno delle finali play off
SI GIOCHERANNO domenica prossima (inizio ore 16) le gare di ritorno del secondo turno dei play off. A conclusione delle due gare di finale, in caso di parità di punteggio dopo la gara di ritorno, per determinare la squadra vincente si terrà conto della differenza reti, senza attribuire valore doppio alle reti segnate in trasferta. Se alla fine dei novanta minuti di gioco continuerà la situazione di parità, verranno disputati due tempi supplementari di quindici minuti ciascuno. Nel caso permanga parità dopo i tempi supplementari, verrà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine della stagione regolare. Le quattro squadre vincenti andranno poi a giocarsi lo spareggio in gara unica su campo neutro (domenica 6 giugno con inizio alle ore 16)
 per stabilire le altre due promozioni dirette oltre a quelle di Rea! Corigliano, Silana, Sporting Club Davoli e Nuova Rizziconese. La vincente del girone A sfiderà la vincente del girone B, mentre l'altro spareggio verrà giocato tra le vincenti dei gironi C e D.
Questo il programma completo delle finali di ritorno dei play off in programma domenica prossima con i risultati delle gare di ieri tra parentesi.
Girone A
Cremissa-Albidona(2-l)
GironeB
Fresila V.-AielloC. (1-1)
Gir one C
Filogaso-Ansel A. (0-0)
Gir one D
San Luca-Antonimina (2-2)
f.c.