Segnali di ripresa sia per la Nuova Curinga

Palla al Centro, si ricomincia.
La "Prima partita ufficiale" del 2010 e
l'ultima del girone di andata.
 
Curinga 7-1-2010
Domenica si riprende con il campionato di Prima Categoria che offre l'ultima giornata del girone di andata e le prime partite ufficiali dell'anno 2010.
Le squadre curinghesi, tra traguardi raggiunti ed obiettivi mancati, hanno chiuso il 2009 complessivamente in modo positivo e si riprende in questo 2010 con prospettive di vittoria ben fondate.
La Nuova Curinga, affronta il Petrizzi che, nonostante abbia in classifica generale ben dieci punti di vantaggio, è una squadra alla sua portata. La lunga sosta natalizia, avrà sicuramente schiarito le idee ai giocatori della Nuova Curinga ed anche a Mister Baroni che avrà avuto modo di conoscere meglio i suoi giocatori. Assieme avranno potuto meditare sugli errori commessi nelle ultime partite giocate e soprattutto sulla disfatta del derby contro l'Ansel Acconia che male hanno digerito i suoi tifosi. Certamente avranno capito che il ruolino di marcia seguito in questo girone di andata non è tale da portarli lontano per cui, o si cambia in tempo questa tendenza oppure si rischia di uscire fuori dal gioco che conta molto prima di quanto ci si aspettasse.
Il calendario gli offre due occasioni d'oro per risollevarsi visto che la squadra deve sostenere due partite consecutive dentro le mura amiche e, due vittorie, potrebbero rilanciarla alimentando così quelle residue speranze di partecipazione alla fase finale dei Play-Off che attualmente sembrano perse.
Anche per la Polisportiva Acconia si presenta l'occasione buona per rimpinguare i punti della sua classifica generale che, purtroppo, non gli fanno vivere sogni tranquilli. Affronta un Bivongi che all'apparenza sembra spacciato ma che prima di esserlo definitivamente, darà filo da torcere ad ogni squadra che incontrerà sulla sua strada.
Sarà Mister Fioretti a trasferire la sua grinta ai suoi giocatori e con questa portare la sua squadra alla vittoria che comincia ad avere necessità vitale.
L'Ansel Acconia giocherà in trasferta andando a fare visita alla Uesse Catanzaro che staziona irreparabilmente sul fondo della classifica. Un distacco di ben 26 punti farebbe pensare ad una semplice passeggiata su Catanzaro da parte dell'Ansel ma, dopo la lunga sosta natalizia non sappiamo se la Uesse si sia rafforzata e fino a che punto possa dare fastidio alla squadra di Mister Galioto. E' certo che la spedizione è tale da non far pensare ad altro che alla vittoria che potrebbe rafforzare la seconda posizione di classifica visto che le inseguitrici Petrizzi e Serrese non avranno vita facile nelle loro trasferte.
La Serrese giocherà infatti a Filadelfia contro una squadra che ha dato segni di ripresa e che non vorrà affondare definitivamente nel limbo della retrocessione anzi, farà di tutto per ritornare la squadra vincente dello scorso campionato anche se ciò sta diventando sempre più difficile dimostrarlo.
L'incontro di cartello della giornata rimane Filogaso - Badolato con i locali che sembrano aver perso la brillantezza con cui ottenevano risultato su quasi tutti i campi che li vedevano impegnati, ed il Badolato che cercherà il risultato pieno per ritornare in auge così come lo è sempre stato.
Impegnativa ma, non proibitiva la trasferta della capolista Sporting Davoli a San Calogero. Una partita in cui la situazione ambientale potrebbe essere tale da fare inceppare la "macchina da reti" dello Sporting Davoli e che quindi potrebbe, alla fine, portare il San Calogero in acque molto più tranquille rispetto a quelle in cui attualmente si trova.
Il Real Pianopoli ospiterà l'Euro Girifalco con l'intento di riprendere la corsa interrotta a Davoli, contro la capolista. Una partita non facile perchè gli ospiti faranno di tutto per conquistare i tre punti che potrebbero significare il sorpasso  in classifica generale.
Nuova Valle - Nuova Limbadi è un derby che depone i favori del pronostico a favore degli ospiti visto che la classifica generale  parla a favore di questi ultimi. Lottano per obiettivi importanti ma mentre la Nuova Valle cerca di risalire la china dal fondo della classifica, il Limbadi cerca invece di conquistare una posizione Play-Off che, per quanto ha fatto vedere fino ad ora, è alla sua portata.
 
Er. Ga.
 
 
 
UESSE CATANZARO    1 - 2    ANSEL  ACCONIA
 
UESSE CATANZARO: Santise, De Santis, Oliverio, Scalzo, Chiappetta, Trapasso (45' s t Sticozzi), Iozzo, Grampone, Mauro (15' s t De Lorenzo), Vinciguerra (40' s t Latassa), Marino. In panchina: Franconieri, Ruggiero, Ruga. Allenatore: Di Maio.
NOTE: Ammoniti: De Santis, Mauro e Iozzo (UC). Vasta, Di Cello S. e Morelli (AA).
Angoli 5-2. Rec. l'pt, 6' st.
 
ANSEL ACCONIA: Lepore (10' s t Matarazzo), Orlando A., Muratore, Morelli, Frijia, Di Cello S., Vasta, Orlando M.(28' s t Trovato), Orlando C., Arcuri, Di Cello L. (10' s t Muraca L.).
In panchina: Mercuri, Torcasio, Perugini. Allenatore: Galioto.
ARBITRO: Francesco Massara di Reggio Calabria.
MARCATORI: 18' pt Grampone (UC), 35' s t Morelli (AA), 44 ' s t Arcuri (AA).
 
 
 
 
 
 
 
Girone C. L'Acconia rimonta il match nelle battute finali
L'Uesse Catanzaro si illude ma L'Ansel è implacabile
di BRUNO SODARO
 
CATANZARO LIDO - 9-01-2010 - L'Ansel Acconia rischia grosso prima di festeggiare. La gara si sblocca al 18'.
E' Grampone a portare in vantaggio i locali, direttamente su punizione dal limite.
L'Uesse schierata con i nuovi acquisti, riesce a contrastare la formazione più titolata. Nella ripresa, però  dopo vari tentativi, gli ospiti pareggiano.
Punizione battuta dal vertice destro dell'area da Morelli. La sfera tocca il palo interno, prima di terminare in fondo al sacco.
La rete della vittoria ad un minuto dal termine. Lungo lancio per Vasta che rimette a centro area. Arcuri, libero da marcature, non ha difficoltà a
battere l'incolpevole Santise.
Il Quotidiano
 
A palle Ferme
Tra Luci ed Ombre, si è concluso
il Girone di andata.
 
Curinga 11-01-2010
E' il momento di tirare le somme perchè, tra luci ed ombre, si è concluso il girone di andata del campionato di Prima Categoria Calabrese.
Da uno sguardo alla classifica generale, notiamo che è lo Sporting Davoli a guidarla con 35 punti e con l'Ansel Acconia che segue a quota 33 ; due matricole di girone e di categoria che hanno fatto valere, fino ad ora, il loro valore in campo.
Sono le squadre meglio costruite, che hanno saputo scegliere il meglio del mercato e che dispongono di giocatori di qualità che ben figurerebbero anche in categoria superiore. Si parla di Chiefari, Gangale, Parisi e Caporale per lo Sporting Davoli e di Di Cello L. ed S., Morelli, Arcuri ed Orlando per l'Ansel Acconia.
Sono le squadre che hanno ottenuto una media superiore ai due punti per partita (35/15 e 33/15 rispettivamente); che hanno manifestato ottime difese (8/15 e 12/15 reti subite); che hanno disposto di attaccanti che hanno fruttato almeno due reti per partita disputata (36/16 e 30/15). Meritatamente occupano, quindi, questi primi due posti in classifica.
Alle loro spalle si è messo in luce il Petrizzi (31 punti) che dopo un inizio di stagione stentato, ha ritrovato fiducia e passo passo, Valente e Commodaro, suoi ottimi giocatori, lo hanno portato ad ottenere ottimi risultati e una posizione Play Off di classifica, ampiamente meritata.
Anche la Serrese (28 punti) è meritevole di elogi visto che occupa anche lei una posizione Play-Off nonostante avesse una partita in meno ancora da disputare.
In attesa di migliore fortuna si trovano le squadre del Filogaso (26), della Nuova Limbadi (26)seguite dal Real Pianopoli (21), che si contendono per il momento, l'ultima posizione Play-off, sperando l'una nelle disgrazie dell'altra.
Solo sprazzi di luce per il Badolato e l'Euro Girifalco che sono le squadre che seguono in classifica generale a quota 19 punti. Entrambe hanno alternato prestazioni brillanti a prestazioni scadenti e, la loro classifica è figlia del loro gioco che è risultato anch'esso altalenante.
Par la Nuova Curinga (18 punti), un girone di andata in ombra e forse, da dimenticare per le sette sconfitte subite, per la difesa che è risultata una delle peggiori del campionato (33/15 reti subite),e infine, per i continui cambiamenti di organico che nulla hanno portato in termini di punti in classifica. Eppure, i giocatori utilizzati sono stati tutti di eccellente qualità: da Tuoto a Grandinetti, da Serratore a Marturano, da Pettinato a Camillò e così via dicendo così come di qualità sembravano gli allenatori Spina e Baroni. Sarà stata la voglia di dover vincere a tutti i costi che ha condizionato il loro rendimento o le condizioni ambientali in cui si sono ritrovati ad operare? Certo è che troppo pochi sono stati i "bagliori di luce" offerti da questi personaggi per poterli assolvere dalle dirette responsabilità di avere portato la squadra o soli due punti dalla zona Play-Out. Che qualcuno desse la sveglia perchè forse, nessuno si è reso conto che è finito il girone di andata e, le promesse di ripresa tardano ancora ad arrivare.
Diverso il discorso per la Nuova Polisportiva Acconia che si ritrova con gli stessi punti della Nuova Curinga (18) ma che, a loro differenza, non è stata costruita  per vincere il campionato. Nonostante tutto, la squadra si è sempre comportata dignitosamente, merito di Mister Fioretti che, con giocatori di "non eccelsa qualità", ha costruito una squadra sempre all'altezza della situazione, anche quando ha subito pesanti sconfitte. Grinta e determinazione sono stati gli ingredienti caratterizzanti questa squadra e, con questi ha saputo sopperire alla carenza di qualità di molti suoi giocatori.
La zona Play-Out comincia con il San Calogero a quota 16 punti, e coinvolge purtroppo, quella Nuova Filadelfia (12 punti) che, lo scorso campionato fu protagonista tra i protagonisti.
Una squadra che ha ceduto alcuni dei suoi uomini migliori (Marturano e Fragalà) e che non ha saputo rimpiazzare dignitosamente. Nemmeno in "ombra" ma, "nel buio completo", questa squadra  ha disputato questo girone di andata con eclatanti sconfitte sia fuori che dentro casa. Ha ancora una partita di recupero da disputare ma, la sua classifica, "Piange".
Pari punti troviamo un Bivongi che, per il secondo anno consecutivo si trova immischiato nella zona Play-Out , segno evidente che, in nessun caso riesce a decollare.
Chiudono la classifica generale la Nuova Valle a quota 7 punti e la Uesse Catanzaro a quota 4 punti, frutto di una sola vittoria e due pareggi. Un punto di penalizzazione la ridimensiona ulteriormente. Eppure, ad inizio campionato, i suoi dirigenti ci avevano fatto credere di avere costruito una squadra pronta al salto di qualità. Evidentemente avevano le idee confuse perchè, visti i risultati ottenuti, possiamo affermare tranquillamente e senza offendere nessuno, che hanno saputo costruire solo una "Armata Brancaleone" che nulla ha a che vedere con una squadra di calcio.
 
Er. Ga.
Palla al Centro, si ricomincia.
Per non “Buttare definitivamente la spugna”.
 
Curinga 15-1-2010
Riprende il girone di ritorno di prima categoria con la seconda trasferta consecutiva della capolista Sporting Davoli la cui marcia, sembra per il momento inarrestabile. Ha concluso il girone di andata con l’ennesima vittoria ottenuta sul San Calogero e, con gli stessi propositi si recherà a Filadelfia per affrontare una squadra che si trova a corto di punti e speranzosa di uscire al più presto dalla situazione di pericolo in cui si trova attualmente.
I tifosi locali sperano che i ragazzi di Mister Alessandro possano imbrigliare il gioco della capolista e riescano a portare a casa, possibilmente una vittoria, che sarebbe vitale per la sopravvivenza della squadra e importante per il morale del gruppo dirigente e i tifosi. Ripartire da una possibile vittoria per sperare in una definitiva fuoriuscita dalla crisi in cui la squadra è precipitata; questo lo slogan beneaugurante.
In trasferta anche l’Ansel Acconia che si troverà ad affrontare un Filogaso che sembra avere perso il bandolo della matassa per quelle vittorie che, inizialmente, arrivavano a raffica. Domenica ha impattato contro il Badolato (in ripresa?) dovendo recuperare il risultato che la vedeva sotto per una rete a zero, a dieci minuti dalla fine. L’Ansel Acconia arriva invece da una vittoria ottenuta fuori casa e da una situazione di classifica invidiabile guadagnata attraverso un girone di andata giocato al meglio, perdendo solo in due occasioni e, contro squadre di rango. La partita è comunque piena di insidie anche perché, Mister Galioto deve fare a meno di due pedine importanti come Di Cello Salvatore e Morelli, entrambi squalificati. Dovrà inventarsi qualcosa, così come ha sempre saputo fare, per non soffrire più del dovuto gli avversari e cercare di portare a casa il risultato che è l’obiettivo principale.
Dovrebbe essere un turno facile per il Petrizzi che affronterà un Bivongi quasi rassegnato e che si trova nei bassifondi della classifica generale. E’, per certi versi, un derby per cui, come tale, potrebbe riservare qualche sorpresa.
Analoghe considerazioni per la Serrese che affronta a Vallefiorita una Nuova Valle la cui unica vittoria la ha ottenuta solo contro la Uesse Catanzaro.
La Nuova Limbadi si reca ad Acconia per affrontare una Polisportiva rinfrancata nel morale dal risultato e dai tre punti guadagnati domenica scorsa contro il Bivongi. I nuovi arrivati Cerminara e Cuomo, hanno portato a questa squadra qualità e concretezza e con questi nuovi ingredienti si appresta ad affrontare il girone di ritorno che si spera sia più ricco di vittorie e di soddisfazioni.
Il Real Pianopoli affronta, nell’anticipo di Sabato, un Badolato in parte rinnovato e voglioso di invertire la tendenza dei risultati ottenuti nel girone di andata appena concluso. Sarà partita dura e difficile per entrambe le compagini viste le credenziali con cui si presentano a questo incontro.
L’Euro Girifalco farà visita al San Calogero che ha ancora “il dente avvelenato” per essersi fatto sfuggire un risultato positivo al cinquantesimo minuto del secondo tempo contro la capolista Sporting Davoli. Una sconfitta non meritata che incattivisce i locali che non sono disposti a cedere ulteriori punti, anche perché lo impone la loro situazione precaria di classifica. In ogni caso, alla luce dei risultati ottenuti ultimamente dall’Euro Girifalco, c’è da sospettare qualche possibile sorpresa.
Per ultimo la Nuova Curinga che conclude il ciclo delle cinque partite casalinghe, o quasi, e dalle quali ha capitalizzato solo quattro punti con una sola vittoria ed un pareggio.
E’ una situazione alla quale la Nuova Curinga ha ormai abituato i suoi tifosi, dimostrando negli anni di non sapere digerire il periodo invernale, nel quale subisce spesso sconfitte ingiustificabili.
E’ successo lo scorso campionato quando, in questo periodo ha subito quattro sconfitte consecutive, si è ripetuto quest’anno con risultati che hanno lasciato a desiderare. Speriamo che, come lo scorso anno, riesca ad uscire da questa situazione di disagio con dignità, riuscendo alla fine, ad ottenere quel traguardo Play-Off che, nonostante tutto, è ancora il suo obiettivo primario.
Ne ha tutte le potenzialità per raggiungerlo perché, se riesce a conquistarsi un po’ di morale in più, può ancora sperare in una impresa apparentemente impossibile. Lo scorso anno c’è riuscita.
Affronterà domenica la peggiore squadra del campionato, la Uesse Catanzaro, e non potrà che essere goleada o, perlomeno, si spera. Non dovrà in ogni caso farsi sfuggire la vittoria, così da poter dimostrare agli avversari che, la Nuova Curinga ancora c’è e che non ha ancora “buttato definitivamente la spugna”.
Er. Ga.
 
NUOVA CURINGA    5-0     UESSE CATANZARO
 
NUOVA CURINGA: Sorrentino, Nosdeo (31 s t Scarrello), Pettinato, Schiavello, Cerra, Paonessa, Serratore, Tarzia (12' s t Gigliotti), Olivo, Marturano, Riga (91 s t Catozzo).
In panchina: Grandinetti, Currado, Cesari, Zerbonia.
Allenatore: Barone
ARBITRO: Cavalieri di Paola
MARCATORI: 3', 11 ' pt e 4', 10' st Maturano, 14'st Schiavello.
 
UESSE CATANZARO: Santise (28' p t Franconieri), Valenti, Oliviero, De Lorenzo, Chiappetta, Sticozzi, Tozzo, Scalzo, Mauro, Grampone, Ruga.
Allenatore: Di Maio
 
NOTE: Angoli 7 a 4 per il N. Curinga.
Recupero: 2' p t- 0' st
La Nuova Curinga ne fa cinque
Uesse sempre più ultimo
di BRUNO SODARO
 
 
CURINGA 17-01-2010 - Partita senza storia con l'Uesse Catanzaro scesa in campo in formazione rimaneggiata e con gli uomini contati. Inoltre ha subito l'infortunio del portiere Santise.
Per i padroni di casa, quasi un allenamento. Mattatore della giornata è stato Marturano, autore di quattro reti.
La prima realizzata, con un tiro a volo, su cross di Nusdeo.
La seconda spettacolare. Dopo aver impegnato alla respinta il portiere ospite, raccoglie e colpisce il palo, tira nuovamente e segna.
Nel secondo tempo, il terzo gol. Nusdeo si libera di due difensori e porge a Marturano che secca Franconieri.
L'attaccante, dopo aver evitato due avversari e il portiere, deposita la sfera in rete.
Schiavello fa cinquina con una bella rovesciata, in piena area, su passaggio di Olivo.
 
Il Quotidiano
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FILOGASO    2-2    ANSEL ACCONIA
 
FILOGASO: Vallone, Galati, Liberto (5' st Condello), Barba, Carnovale (5' st Pannace), Sisi, Caputo (40' st Romeo), Imineo F., Arona, la Neve, Valotta R.
In panchina: Arone, Mesiano, Imineo A., Romeo, Valotta R. F.
Allenatore: Bruni
NOTE: espulsi al 40' st Condello (F) e Orlando C. (A), per scorrettezze
 
ANSEL ACCONIA: Matarazzo, Muraca, Muratori, Orlando M., Trovato, Truglia, Vasta, Arcuri, Muraca, Orlando C., Di Cello.
In panchina: Buccafurni, Orlando A., Mercuri. Allenatore: Galioto
ARBITRO: Madeo di Rossano
MARCATORI: 15'pt Orlando C. (A), 20' st Condello (F), 32' st Sisi (rig) (F), 44' st Orlando M. (A)
 
Filogaso beffato all'ultimo minuto
L'Ansel strappa un buon pari
 
FILOGASO 17-01-2010 - Il Filogaso si fa raggiungere negli ultimi minuti di gara e getta al vento l'opportunità di raccogliere tre punti pesantissimi.
Ospiti bene nel primo tempo, Filogaso che domina nella seconda frazione di gara. Al 15' pt Orlando di testa trafigge il portiere di casa, il Filogaso tenta di reagire con Valotta fermato dal portiere ospite. L'Ansel si limita a controllare gli attacchi male organizzati del Filogaso e chiude la prima frazione di gioco in vantaggio.
Nel secondo tempo scende in campo un altro Filogaso, che attacca con tutti gli effettivi alla ricerca del pareggio. Dopo un'occasione sprecata da Valotta, arriva al 22' il gol dell'1-1. Imineo smarca Condello che beffa Matarazzo.
Il Filogaso non si accontenta e cerca la vittoria: al 32' un mani in area su tiro di Valotta viene punito con il rigore trasformato da Sisi.
Al 40' l'arbitro espelle Condello e Orlando per reciproche scorrettezze. Al 44', quasi allo scadere del tempo regolamentare, Orlando M., in una mischia determinatasi sugli sviluppi di una punizione respinta dal portiere, trova il gol decisivo su mischia.
f.c.
Il Quotidiano.
  1. P. ACCONIA    2-3    NUOVA LIMBADI
 
NUOVA POL. ACCONIA: Oscuro; Panzarella, Serratore,   Muraca D., Molinaro, Muraca G., Romagnuolo, Cerminara, Cuomo, Garieri , Dell'Aquila.
A disposizione: Guzzi, Catanzaro,  Mastroianni, Trovato F., Trovato R, Condoleo, DePace, Piraino.
Allenatore: Fioretti.
 
NUOVA LIMBADI: Graci, Ascone, Mercuri, Ventrice, Po, Lamalfa, Catalano, Miserino, Tripaldi, Di Siena, Corsi.
In Panchina: Pellicari, Caparra, Castagna, Corsaro, Ascona, Cuiuli, Valerioti.
Allenatore: Tripaldi
Arbitro: Fuoco di Crotone.
MARCATORI: 31' pt Corsi, 41' Dell'Aquila,  7' s t Cuomo, 37' s t Corsi, 42' s t  Di Siena.
 
 
Il Limbadi in dieci espugna Acconia
N.P. ACCONIA N. C. LIMBADI
Acconia 17-01-2010
  1. POL. ACCONIA: Oscuro, Panzarella, Serratore, Muraca D., Molinaro, Muraca V., Romagnolo, Cerminara, Cuomo, Garieri(35' st TrovatoF.), Dell'Aquila (35' st Trovato R.).
In panchina: Guzzi, Condoleo, Mastroianni, Catanzaro, De Pace.
Allenatore: Fioretti
NUOVA CALCIO LIMBADI: Oraci,. Ascone A., Mercuri, Ventrici(27'pt AsconeP.), Po, La Malfa, Catalano (33' st Caparra), Miserino (17' st Cuiuli), Tripaldi, Di Siena A., Corsi.
In panchina: Pellicari, Castagna, Corsaro, Valerioti.
Allenatore: Di Mundo - Tripaldi
ARBITRO: Fuoco di Crotone
MARCATORI: 10' pt Corsi (L), 35' pt Cerminara (A), 10' st Garieri (A), 35' st Corsi (L), 42'Di Siena (L)
NOTE: espulso al 35' pt Po (L) per proteste
ACCONIA - II Limbadi vince una gara condita dalle proteste da parte di entrambe le squadre contro la direzione arbitrale. Grande prova del Limbadi che, in dieci per un tempo e senza Ventrici dal 27' pt coglie la vittoria. Al 10' Corsi porta in vantaggio i suoi. Al 35' su cross dalla fascia Cerminara insacca la palla con le mani: l'arbitro convalida ed espelle Po per proteste. Al 10' st Garieri ribalta il risultato. Al 35' Cuiuli serve l'accorrente Corsi che segna. Al 42' Cuiuli coglie l'incrocio dei pali, la palla batte a terra, Di Siena riprende e segna.
  1. cat.
Il Quotidiano
 
La Nuova Polisportiva Acconia
non sa gestire una possibile vittoria
e finisce per perdere contro la Nuova Limbadi.
 
Acconia 17-01-2010
La Nuova Polisportiva Acconia perde una partita per non avere saputo sfruttare l'uomo in più, per avere fallito il colpo del ko quando si trovava in vantaggio per 2-1, per avere sottovalutato l'avversario nel momento in cui stava dominando la partita, per non avere avuto infine l'apporto sperato dai giocatori entrati in sostituzione di altri. Giustificato quindi il malumore di Mister Fioretti a fine partita, perchè consapevole di avere dato fiducia a chi, in quel momento doveva apportare forze per portare a termine una vittoria che, era apparsa possibile.
Squadre schierate con uno speculare 4-4-2 ma con modalità di gioco diverse; la Polisportiva prediligeva la palla a terra e pochi lanci in profondità mentre il Limbadi, ha preferito scavalcare il centrocampo con lanci lunghi e giocare poco con palla a terra. Alla fine, nonostante la partita sia stata per lungo tempo controllata dai locali, la spunta il Limbadi che ha creduto di più nel risultato nonostante si trovasse sotto nel risultato e, con un uomo in meno.
Partita maschia nella quale Cuomo e Gareri hanno avuto vita non facile contro i loro avversari diretti. Uno schieramento iniziale che prevedeva di sfruttare al meglio la mobilità di Cuomo che operava alle spalle di Dell'Aquila e Gareri, con libertà assoluta di inserirsi in qualsiasi momento fosse possibile. Nel  secondo tempo, Mister Fioretti ha modificato i ruoli degli attaccanti assegnando maggiori compiti di regia a Gareri e facendo avanzare sulla sinistra Dell'Aquila. Quest'ultimo ha avuto il merito di segnare, nettamente di pugno, la rete del pareggio e di procurare poi l'assist che ha consentito a Cuomo di colpire di testa e di portare la Polisportiva in vantaggio.
Ha avuto però  il demerito di avere compiuto il gesto antisportivo che ha fatto infuriare i giocatori ospiti portando alla espulsione di Pò,  ma anche quella di avere mancato ghiotte occasioni da rete che avrebbero potuto chiudere definitivamente la partita. Il direttore di gara, in questa, ed in altre occasioni, ha lasciato un po' a desiderare perchè ha denotato macroscopiche sviste e ritardi di intervento che hanno esasperato gli animi rischiando anche l'incolumità fisica.
Erano comunque segni favorevoli alla Polisportiva, che la poneva in vantaggio numerico ma anche psicologico contro un avversario che però, non è mai stato completamente domo.
A questo punto i locali commettono l'errore di avanzare troppo il baricentro della loro squadra e, così facendo,  con le lunghe rimesse dei difensori ospiti e la rapidità dei loro attaccanti, hanno potuto sorprendere gli avversari colpendoli irrimediabilmente per altre due volte, tante quante sono bastate per portare il risultato pieno a casa.
Non è bastata la rabbia finale con cui Cuomo e company si sono riversati nell'area ospite, bersagliando, sia con calci da fermo che con azioni ben congegnate, per recuperare il risultato anche perchè, sul fischio finale del direttore di gara, Graci salva il risultato e la sua squadra deviando un fendente terribile di Romagnuolo.
Poteva essere una vittoria, è stata invece una deludente sconfitta.
 
Er. Ga.
 
A palle Ferme
Segnali di ripresa sia per la Nuova Curinga
che per la Nuova Filadelfia. Notte fonda per il Badolato.
 
Curinga 19-01-2010
Dalla prima giornata del girone di ritorno sono arrivati i primi segnali di ripresa per la Nuova Curinga e Nuova Filadelfia. La Nuova Curinga, con un superbo Marturano, demolisce ciò che resta di una inconsistente Uesse Catanzaro mentre la Nuova Filadelfia riesce a fermare la capolista Sporting Davoli, sfiorando addirittura la vittoria.
Sarebbe stata meritata anche perché è stata raggiunta sul risultato di 2-2 solo alla 46° del secondo tempo cioè, in pieno recupero.  Peccato.
Continua la serie positiva dell’Ansel Acconia che esce indenne dal campo difficile di Filogaso con un pareggio di parità ottenuto giocando un primo tempo che l’ha vista addirittura in vantaggio per una rete a zero e con un finale di partita giocato col cuore in gola per recuperare il risultato che gli stava sfuggendo di mano. Alla fine, il 2-2 maturato sul campo, viste le assenze di giocatori importanti come Morelli e Di Cello, può ritenersi soddisfacente.
Le squadre che hanno guadagnato di più in questa giornata di campionato sono state il Petrizzi, che batte il Bivongi per 2-0 e raggiunge l’Ansel al secondo posto in classifica, e il Real Pianopoli  che si è sbarazzato di un Badolato troppo fragile e incapace di reagire. L’impresa della giornata la compie comunque la Nuova Limbadi che dopo essere stata sotto nel risultato è riuscita, in dieci uomini contro undici, a conquistare una pesante vittoria sul terreno della Polisportiva Acconia.
Rientra cosi nella zona play-Off approfittando del mezzo passo falso fatto sia dal Filogaso che dalla Serrese.  Quest'ultima viene fermata sullo 0-0 dalla Nuova Valle e deve mordersi le mani per avere fallito  un rigore concesso dal direttore di gara per atterramento in area di rigore di un suo giocatore.
Ad otto punti dalla zona playoff troviamo la Nuova Curinga che ritorna a vincere dopo la sfortunata sconfitta subita in casa contro il Petrizzi.
Il ricco risultato ottenuto, è una conferma che la squadra ha voglia di tornare protagonista cosi come lo è sempre stata; è in ogni caso un forte segnale di presenza al quale bisogna dare però continuità, per sperare nel raggiungimento di quell’obbiettivo finale dei Play-off che, nonostante tutto, è ancora possibile.
Con questa vittoria la Nuova Curinga scavalca in un sol colpo sia il Badolato che l'Euro Girifalco che impatta 0-0 contro il San Calogero.
Del Badolato si sa ormai che sta attraversando un periodo no che si concretizza sistematicamente in sconfitte eclatanti, mentre  per l'Euro Girifalco è un periodo fortunato in quanto anche a  San Calogero, si è dovuto difendere allo spasimo e alla fine deve dire grazie solo al suo portiere che ha salvato, con parate strepitose la sua rete e gli ha consentito di portare a casa un punto importante.
 
Er. Ga.