Si continua all'insegna del Tre.

Coppa Calabria;
I ragazzi di Stumpo restano in dieci nei minuti finali per l'infortunio di Valente
Russo non basta alla Serrese
I locali falliscono il raddoppio e vengono raggiunti dalla rete di Gigliotti
 
di  MIRKO TASSONE
SERRA SAN BRUNO - Sotto una pioggia battente, per il secondo turno di coppa Calabria, la Serrese non va oltre il pari con il Nuova Curinga degli ex Zerbonia e Marturano.
Parte bene la squadra di casa che dopo appena sette minuti passa in vantaggio con Russo, complice una macroscopica incertezza di Colacchio e Grandinetti. Tre minuti dopo i bianco blu ancora protagonisti. Dalla corsia destra parte uno spiovente per Pisani che, a colpo sicuro, batte a rete, ma sulla traiettoria s'inserisce il compagno di squadra Zaffino che salva il Curinga dal doppio svantaggio.
Al 23' però arriva il gran goal di Gigliotti che, dal vertice destro dell'area di rigore, scaglia una rasoiata e sorprende il non esente da colpe Franzé. Con il match nuovamente in equilibrio le due formazioni danno luogo ad un avvincente sfida nella zona mediana del campo. Al 27' la Serrese ci prova dalla distanza con un tiro di Fortebuono, ma la palla termina sul fondo. Con il passare dei minuti la pioggia aumenta d'intensità e condiziona notevolmente la prestazione dei fantasisti.
Ad inizio ripresa Spina lascia in panchina Zerbonia ed al suo posto manda in campo Martinez. Al 20' della ripresa è proprio il nuovo entrato a mettere paura con una conclusione sulla quale provvidenzialmente rinviene sulla linea di porta Lattali. Con il trascorrere dei minuti il terreno di gioco diventa sempre più impraticabile.
La Serrese non fa mistero di voler far proprio l'incontro e si spinge ripetutamente in avanti alla ricerca del successo. Sulle scorribande di Russo e Franzé fa però buona guardia la retroguardia giallo verde. Al 76' sugli sviluppi di un tiro d'angolo, in piena area di rigore, Greco riesce a calciare ma la palla termina di poco oltre la traversa. Ultimi minuti in dieci uomini per la Serrese che, all'80', perde Valente, vittima di uno scontro di gioco con un compagno di squadra, In attesa del triplice fischio entrambe le formazioni si attestano nella loro trequarti campo limitandosi a lanciare senza alcuna pretesa la palla in avanti.
Il ritorno il 4-11-2009 alle ore 14,30 al "Carlo Piro" di Curinga.
Il Quotidiano della Calabria
 
palle Ferme
Inarrestabile il Limbadi, unica squadra a punteggio pieno.
Tra pareggi sofferti e sconfitte inaspettate,
sono state fermate tutte le squadre favorite del Campionato.
 
Curinga 13-10-2009
E siamo solo alla quarta giornata di Campionato. Deludente ma, sfortunata la Nuova Curinga che, rimedia la seconda sconfitta consecutiva ad opera della Nuova Limbadi che è l'unica squadra a ritrovarsi a punteggio pieno e, imbattuta. In questi casi, non basta fare appello alla sfortuna e recriminare sulle occasioni mancate perchè, la squadra è stata costruita per vincere ma non riesce ancora a mantenere le promesse di vittoria. E' chiaro che, quando c'è una sconfitta di mezzo, i demeriti non sono solo della squadra perdente ma, bisogna mettere in conto anche i meriti degli avversari, in questo caso quelli del Limbadi che, non a caso, è l'unica squadra a punteggio pieno.
Ospiti in vantaggio per ben due volte, che rischiano di essere raggiunti se l'arbitro, Sig. Rispoli di Locri, non avesse fatto ripetere un rigore, inizialmente trasformato e successivamente sbagliato ma che, alla fine, avendo sbagliato anche loro il loro rigore, hanno legittimato il giusto risultato finale. Perde anche l'Euro Girifalco o, se vogliamo, vince meritatamente la Polisportiva Acconia che trova in Muraca D. il goleador della giornata. Partita ricca di gol, ben cinque, con la Polisportiva Acconia che passa per prima in vantaggio, che si fa poi raggiungere e che dilaga nel secondo tempo portandosi sul 3-1 per poi finire con una vittoria per 3-2.
Cade lo Sporting Davoli contro il Petrizzi di Valente. Una partita che si sblocca solo in pieno recupero, al 47' del secondo tempo, quando Valente, si ricorda di essere ancora uno spietato risolutore.
Rammarico per la Serrese che viene bloccata sul 2-2 dal Bivongi, subito, per giunta, su rigore. Non gli sono bastati alla Serrese le reti di Russo e Chiera per avere la meglio sul Bivongi perchè, un grande Riggio la mette al tappeto con una splendida doppietta da manuale.
Anche il Badolato recrimina perchè bloccata dall'ultima della classe, Nuova Valle, che riesce a rimontare un 1-3 e con la terza rete segnata al 46' del secondo tempo. Un Badolato che è praticamente crollato nel secondo tempo, quando cioè pensava di avere ormai assolto al suo compito ma che ha mollato le redini ritrovandosi alla fine con il risultato di parità che, per i locali costituisce  il primo punto conquistato sul campo. Non era certo stato preventivato alla vigilia un risultato del genere ma, bisogna pensare che c'è sempre l'avversario in campo e questo, può avere sempre una risorsa nascosta che può metterti in difficoltà.
In parità è finita la partita tra Nuova Filadelfia e Ansel Acconia con gli ospiti a controllare fin dall'inizio della partita il gioco in campo, passando per primi in vantaggio con un gran gol di Arcuri ma che, alla fine, in pieno recupero, si lascia raggiungere con una rete che forse, era possibile anche evitare. Rabbia, rammarico ma, in conclusione, anche soddisfazione perchè consapevoli di avere ottenuto un risultato positivo dove, pochi riusciranno a fare di meglio.
Primi tre punti per il San Calogero che si è trovato sotto di una rete nel primo tempo ma che nel secondo, con un grande forcing, è riuscito a raggiungere la meritata vittoria.
Piccoli passi per il Real Pianopoli che non va oltre il pari contro il Filogaso nella partita anticipata la sabato. Deve comunque recitare il "mea culpa" perchè, oltre ad essere andato in vantaggio per primo, ha pure colpito due legni e, alla fine ha sbagliato anche un rigore che avrebbe potuto metterlo al riparo definitivamente. La giornata è stata ricca di gol, ben 26; rimangono solo due la squadre imbattute (Serrese e Nuova Limbadi) , una sola a punteggio pieno (Limbadi), anche se con una partita in meno, e, infine, primi punti per San Calogero e Nuova Valle.
 
Er. Ga.
 
Palla al Centro, si ricomincia.
Sulle macerie spesso, si costruisce meglio e, in modo più duraturo.
 
Curinga 16-10-2009
Domenica si giocherà la quinta di campionato e, ci sarà lo scontro al vertice tra Serrese e Nuova Limbadi che stabilirà  chi, tra le due, dovrà essere la leader del girone visto che lo stesso, stenta ancora a decollare. In ritardo di preparazione e di punti la Nuova Curinga, il Badolato e, la Nuova Filadelfia squadre che, per qualità ed aspirazioni, sono una spanna al di sopra di tutte le altre.
Tutte e tre le squadre citate, chi per un motivo, chi per un altro, si trovano purtroppo in ritardo: Il Badolato si starà ancora "mangiando le mani" per i due punti persi a Vallefiorita, per una rete subita al 46' del s. t., in modo rocambolesco, che la ha costretta al pari contro la Nuova Valle; altrettanto si può dire per la Nuova Curinga, alla quale, non è bastata una superba partita per avere la meglio sulla Nuova Limbadi che, al contrario, ne è uscita vincitrice. Un rigore fallito ed altre azioni da rete mancate, la hanno condotta alla seconda sconfitta consecutiva per la quale, molti tifosi locali hanno contestato esplicitamente sia la società che i giocatori in campo.
Infine, la Nuova Filadelfia che, più che sul mancato risultato di domenica scorsa contro l'Ansel Acconia e che, non avrebbe nemmeno meritato, deve recriminare sulla scarsa condizione in cui si trova il suo goleador Caruso, che stenta ancora a trovare la via della rete. Sono squadre che sapranno comunque risorgere, e che sapranno trovare nel più breve tempo possibile la via della vittoria che le riporteranno nei piani alti della classifica generale. La Nuova Curinga, sa già come risorgere dalle macerie perchè, come esperienza vissuta, sa quali sono i modi per risollevarsi. Lo ha fatto l'anno scorso quando, reduce da quattro sconfitte consecutive, ha poi conquistato la qualificazione ai Play-off. Sulle macerie infatti, si costruisce meglio e in modo più duraturo e, con più oculatezza, si può migliorare anche la qualità e la determinazione utili per raggiungere l'obiettivo finale. La prossima partita di Pianopoli, anticipata al sabato, potrà essere il trampolino di lancio dal quale, avvertire tutte le altre concorrenti che, la Nuova Curinga c'è e che ci vuole essere fino in fondo. Il Badolato, affrontando la Nuova Polisportiva Acconia, deve ancora una volta stare attento per evitare di fare la stessa fine fatta contro la Nuova Filadelfia. Affronta infatti, una squadra attualmente in forma e che, finalmente è riuscita ad abbinare il bel gioco ai risultati. Lo ha dimostrato a Davoli, pareggiando la partita, lo ha dimostrato contro l'Euro Girifalco mettendolo al tappeto. Per la Nuova Filadelfia, che sta finalmente ritrovando la condizione, non dovrebbe essere difficile conquistare i tre punti contro la Uesse Catanzaro che, fino ad ora, non ha dimostrato grandi qualità. Una buona occasione si presenta per l'Anse Acconia che, affrontando la Nuova Valle, ha possibilità, con una vittoria, di stabilizzarsi nei piani alti della classifica generale. Lo meriterebbe, se non altro per il bel gioco che, domenica dopo domenica sta proponendo ai suoi tifosi e a tutti gli spettatori che la hanno vista protagonista. Euro Girifalco - Petrizzi, sarà un banco di prova per entrambe le squadre in quanto vorranno dimostrare l'una all'altra di volere dire la propria in questo campionato. L'Euro Girifalco deve subito "dimenticare" la sconfitta di Acconia e, per farlo deve puntare dritto alla vittoria; il Petrizzi deve invece "ricordare" ciò che di buono ha fatto contro il Davoli e sperare che Valenti, si svegli definitivamente per dare una scossa alla sua squadra e condurla alla vittoria. La Partita Sporting Davoli - Bivongi, anticipata al sabato, potrebbe nascondere qualche sorpresa, così come a sorpresa, potrebbe essere il risultato tra Filogaso e San Calogero. Le squadre di casa sono favorite ma, le buone prestazioni delle ultime partite, depongono anche qualche residua speranza per le squadre ospiti.
Al campo il responso finale.
 
Er. Ga.
 
PIANOPOLI 3 - 0    N. CURINGA
 
REAL PIANOPOLI: Mascaro A., Mazzei A., Albace, Talarico (36' st Mazzei Antonello), Scerbo, Sereno, Notaro, Fazio (38' st Aiello), Gaetano, Isabella (20' st Guzzo), Marotta.
In panchina: Grandinetti, Palmieri, Sgarrella, Roberti.
Allenatore: Marotta
Arbitro: Barca di Taurianova.
NUOVA CURINGA: Sorrentino, Currado, Pettinato, Schiavello (21' st Martinez), Riga, Camillò (38' pt Gigliotti), Zerbonia, Tuoto, Fragalà (15' s.t. Grandinetti) Marturano, Serratore.
In panchina:Grandinetti F., Nosdeo, La Fortuna, Paonessa.
Allenatore: Spina
MARCATORI: 10' st Notaro, 15' e 18' st Gaetano
 
A Pianopoli il Real domina la N. Curinga
 
PIANOPOLI 18-10-2009- Partita sciènza storia quella tra il Real Pianopoli e la Nuova Curinga. Un tre a zero che non ammette repliche, con l'aggiunta di due legni a favore dei padroni di casa, uno colpito al 7' con Scerbo e l'altro con lo stesso Scerbo al 25'. I padroni di casa passano in vantaggio al 10' con Notaro che finalizza al termine di una mischia in area avversaria. Il raddoppio arriva poco dopo con Gaetano, lesto ad approfittare, con un pallonetto dal limite, di una disattenzione di Tuoto. Lo stesso Gaetano al 18' sigla il definitivo 3-0 che condanna un'abulica Nuova Curinga.
Il Quotidiano della Calabria
Ansel Acconia    2 1    Nuova Valle
 
Ansel Acconia:  Buccafurni, Muraca S., Colloca, Michienzi, Di Cello S., Muraca L., Perri G., Morelli,   Vasta,  Arcuri, Di Cello L.,  
In Panchina:  Lepore, Frijia, Perugino, Torcasio F., Matarazzo, Molinaro G.  
Allenatore: Galeoto
Marcatori: 18' p.t. Morello. 21' s.t. Arcuri; 45' s.t. Gagliardo
Nuova Valle: Sparacino A., Sparacino D., Merenda, Muzzi, Sestito, Chiarella, Vitaliano, Paone, Riga, Barbieri, Merlino.
In Panchina: Lanzellotti, Grande, Marcella, Facciolo, Gagliardo, Sanso, Misdea.
Allenatore:  Capalano
Arbitro: Fuoco da Crotone.
NOTE: Ammoniti Frija(AA)e Riga (NT). Angoli 6 a 2 per l'Ansel Acconia
 
Ansel sempre più in alto Paone all'ultimo assalto
 
 ACCONIA Di CURINGA 18-10-2009 -I padroni di casa conquistano una vittoria importante per mantenere la zona alta della classifica. Le due matricole hanno disputato una bella gara. Al 18' i locali si portano in vantaggio. Punizione di Perri che termina contro la barriera. Palla che finisce a Morelli che, con un bel tiro da fuori area, batte il portiere di Vallefiorita. Nella ripresa l'Ansel si porta sul doppio vantaggio grazie al rigore trasformato da Arcuri. Penalty concesso dal direttore di gara per atterramento di Frijia. La rete della compagine del presidente Muccari arriva nel recupero. Paone si presenta solo davanti a Beccafurni e con un pallonetto, mette in rete.
b.s.
 
L'Ansel Acconia vince ma, non stravince.
 
Acconia 18-10-2009
Ciò che sulla carta sembra facile, a volte diventa più difficile da superare ma, non impossibile. Anche oggi l'Ansel poteva segnare almeno cinque reti, si è invece limitata a segnarne solo due, sufficienti però per superare una squadra che è sembrata tutt'altra cosa di ciò che la sua classifica, deficitaria di punti, potesse far credere.
Una partita combattuta tra due squadre organizzate meglio in difesa che non in attacco. Una linea difensiva degli ospiti che non si è scomposta dall'inizio alla fine così come quella dell'Ansel che ha visto un buon Di Cello S. supportato da due buoni interditori come Michienzi e Morello. Anche la Nuova Valle ha manifestato delle buone individualità difensive in Muzzì e Chiarella ed anche, un buon Riga in avanti che però, ha spesso preferito giocare da solo.
Il migliore in campo è stato comunque Di Cello L. , per acume tattico e perchè ha aiutato il reparto di centrocampo, impostando, concludendo tenendo palla per fare salire sistematicamente la sua squadra. Per Antonio Arcuri, ormai non ci sono più aggettivi per poterlo qualificare perchè, le sue prestazioni sono sempre valide e significative; ha, anche oggi, lasciato la sua impronta sulla partita, con una rete segnata su rigore che, lui stesso si era procurato.
Andando con ordine, si è giocato un primo tempo all'insegna della velocità, con i giocatori ospiti che, tentavano l'anticipo su ogni pallone giocato, perchè consapevoli che gli avversari di oggi, non potevano essere affrontati sulla tecnica perchè, su questa, insuperabili. In ogni caso, le occasioni da rete per i locali, si sono presentate fin dall'inizio quando Di Cello e Vasta hanno sprecato favorevolissime occasioni. poi, una traversa colpita su una incursione in area da Di Cello ed una rete segnata da trenta metri da Morello che lascia di stucco il portiere su un bolide di inaudita potenza.
L'uno a zero non trasforma la fisionomia della partita perchè gli ospiti combattono a fronte alta e, i locali, giocano la loro partita senza mettere in atto tatticismi particolari.
Ottima occasione per Vasta che è in questa occasione molto sfortunato per avere trovato il portiere Sparacino pronto a respingere di istinto il primo suo tiro, e di riflesso il secondo che , per tempestività e per precisione sembrava dovesse finire in rete. 
Sparacino quindi, tiene in partita la sua squadra, limitando i danni e incitando ad una maggiore concretezza i suoi compagni di squadra.
Il secondo tempo si gioca inizialmente sotto un buon acquazzone ma, le condizioni atmosferiche non alterano le intenzioni di vittoria da parte di entrambe le squadre. Più intraprendenti gli ospiti ma, Buccafurni, non ha mai rischiato di capitolare. Si distende bene su un insidioso rasoterra neutralizzandolo, e altrettanto bene si comporta su uno spiovente che arriva in area dalla tre quarti. Nel miglior momento degli ospiti, arriva la seconda rete per l'Ansel su rigore, trasformato da Arcuri che, in una concitata azione, viene messo giù senza tanti complimenti dal suo avversario di turno. Il due a zero, tranquillizza la squadra che, gestisce il vantaggio senza mai rischiare. Si continua a sbagliare sotto rete e, alla fine, arriva quella rete che non ti aspetti. Lancio a scavalcare la difesa, Gagliardo brucia sullo scatto Di Cello e, con un delizioso pallonetto, scavalca l'incolpevole Buccaforni in uscita. E' troppo tardi per temere il peggio e per dare speranza agli ospiti per una possibile rimonta perchè è il 46' del secondo tempo.
Per ora, l'Ansel accumula punti e si pone in alto in classifica, andando avanti si vedrà.
 Er. Ga.
BADOLATO   2 - 2  POL. ACCONIA
 
BADOLATO: Menniti, Lucifero, Piccoli, Centola ( 9'st Fraietta), Dardano, Vetrario (43'pt Lepanto), lozzo, Mastria, Minisi(16'st Martello), Chiodo, Loccisano.
Allenatore: Stanizzi N.
NOTE: ammoniti Lucifero, Loccisano, Minisi, Vetrano, Chiodo(B). Condoleo, Monaco, Landolfi, De Pace (A).
 ACCONIA: Oscuro, Serratore, Nastroianni, Muraca, Trovato R., De Pace, Panzarella, Landolfi( 35'st Nosdeo), Neri ( 1' st Gareri), Dell' Acqua (44'st Trovato V.) Condoleo.
Allenatore: Fioretti
ARBITRO: Basile (Crotone) 
MARCATORI: 33' Mastria(B) - 52' Dell' Acqua (A) - 60'Loccisano(B) - 83' De Pace (A)
 
Delusione a fine gara tra i dirigenti e i tanti tifosi accorsi sugli spalti
Il Badolato paga i soliti errori
La N. Acconia fa la sua onesta partita e porta via un punto importante
di FRANCO LAGANÀ
 BADOLATO 18-10-2009- Amarezza, delusione, tanta rabbia, sono stati questi i sentimenti espressi nelle dichiarazioni del dopo partita da Mister Stanizzi, per due punti persi per i continui malintesi della difesa, che penalizzano la squadra. "Prenderò alcuni provvedimenti disciplinari verso chi con il suo comportamento ha penalizzato la squadra. Mi dispiace per i nostri tifosi, e per la società. In settimana analizzeremo questa partita pareggiata dagli ospiti per colpa dell'assetto difensivo, che continua a sbagliare nel finale della gara. E' successo a Filadelfia, e l'errore si è ripetuto oggi". Soddisfazione negli spogliatoi ospiti nelle dichiarazioni di Mister Fioretti, "Un pari meritato, che ci consente di guardare al prosieguo del campionato con più serenità, considerando che in questo inizio di campionato abbiamo affrontato le squadre candidate alla promozione". Parte bene il Badolato, che costringe gli ospiti a chiudersi nella propria meta campo. Loccisano, Centola e Piccolo, mettono in difficoltà il portiere Oscuro. Al 26' si grida al gol su tiro di Vetrano, ma il pallone sfiora il palo. L'Acconia si limita a giocare in contropiede. Il gol arriva al 33', cros di Minisi e Mastria da fuori area insacca. Sterile la reazione degli ospiti, ben controllati da lozzo e compagni. Per sostituire Vetrano, reo di un fallaccio ai danni di un avversario, saltano gli schemi di Stanizzi, e si va al riposo sull'1-0. Nella ripresa, in campo scende un'Acconia decisa e determinata a raggiungere il pari, il Badolato soffre, e la difesa capitola al 7' con il gol realizzato da oltre 20 metri da Dell'Acqua, che sorprende il portiere Menniti. La rete scuote i giocatori del presidente Larocca, che vanno in vantaggio con Loccisano, che sfrutta un ottimo passaggio di Fraietta, il migliore in campo nella ripresa. A questo punto gli ospiti non hanno nulla da perdere e si proiettano in avanti con azioni pericolose, ma l'attento Menniti nega la gioia del gol. Il Badolato ha due palle gol per chiudere la partita con incursioni di Fraietta, Chiodo e Martello, che sono sfortunati sotto rete. Ma nel finale la difesa giallorossa commette una serie di errori, che permettono agli ospiti di pareggiare su un'azione d'angolo.
Il Quotidiano della Calabria.
A palle Ferme
All'insegna del "tre"
 
Curinga 21-10-2009
Tre, le partite rinviate al Petrizzi;
Tre le squadre in ritardo in Classifica Generale (Badolato, Nuova Curinga, Nuova Filadelfia);
Tre, le reti subite dalla Nuova Curinga a Pianopoli;
Tre le reti subite dalla stessa squadra a Filogaso;
Tre, le sconfitte consecutive racimolate dalla Nuova Curinga.
           Questi i dati essenziali dedotti dalle prime cinque giornate di campionato di Prima Categoria girone C. Il Badolato che non riesce più a vincere, così come la Nuova Filadelfia che detiene l'attuale record delle partite pareggiate e, infine, la Nuova Curinga che ha smarrito la via della vittoria e detiene il record attuale delle sconfitte consecutive. In testa alla classifica generale, un inedito quartetto con ben due matricole di categoria ( Sporting Davoli e Ansel Acconia). Lo Sporting Davoli, avanza a suon di gol (ben 16 in cinque partite) e, l'Ansel Acconia che fa lo stesso proponendosi con ottime prestazioni. Per Serrese e Limbadi, che devono recuperare lo scontro diretto, potrebbe essere la "testa", in caso di vittoria dell'una sull'altra squadra.
Non riesce a vincere la Nuova Filadelfia a Catanzaro anzi, rischia di perdere la partita perchè riesce a recuperarla solo al 47' del secondo tempo quando si aspetta solo il fischio finale da parte del direttore di gara. E' sicuramente crisi per la Nuova Filadelfia, non solo di risultati ma anche e soprattutto di prestazioni che, non non sono più quelle della stagione sportiva 2008-2009.
La squadra sorpresa è, per il momento, il Filogaso che, dopo avere battuto la Nuova Curinga, si è ripetuto contro il San Calogero, raggiungendo quota 10 punti insediandosi in testa alla classifica generale.
 Ottimo pari della Polisportiva Acconia a Badolato dove, per due volte sotto nel risultato riesce a rimontare in entrambi i casi portando a casa un punto meritatissimo. Delusi i tifosi locali ma, soddisfatti i ragazzi di mister Fioretti perchè consapevoli di avere compiuto una splendida impresa.
In questa giornata, non si sono potute disputare ben due partite per impraticabilità :  Serrese - Limbadi ed Euro Girifalco - Petrizzi. Per quest'ultima, è già la terza volta che non ha potuto disputare la sua partita per le condizioni atmosferiche che hanno reso i terreni di gioco impraticabili.  La classifica è ancora corta e, fino ad ora pone:
Lo Sporting Davoli in testa alla classifica sia per punti guadagnati che per reti segnate;
La Nuova Valle che, nonostante le sconfitte subite, riesce a proporsi con buone prestazioni;
La Nuova Filadelfia che non riesce ad essere la squadra del 2008-2009;
La Nuova Curinga che ha smarrito la via della rete nonostante avesse in squadra il fior fiore degli attaccanti di categoria; Il San Calogero che continua a perdere anche quando non dovrebbe;
La Polisportiva Acconia che sta attraversando un ottimo stato di forma dimostrandolo affrontando squadre di valore come: Limbadi, Serrese, Badolato, Euro Girifalco;
L'Ansel Acconia che è ancora costretta a creare dieci azioni da rete per poterne segnare una in più dell'avversario e vincere le sue partite; Il Badolato, che sta deludendo oltre misura tutti i suoi sostenitori; La Serrese e la Nuova Limbadi , che si sono proposte, fino ad ora, come le squadre più concrete del campionato;
Il Real Pianopoli che, punto dopo punto si è insediata alle spalle della testa della classifica;
L'Euro Girifalco che, stenta a trovare continuità di gioco e di risultati;
Infine, la Uesse Catanzaro che, ci hanno fatto credere di essere una delle squadre favorite del campionato e che invece ha offerto fino ad ora prestazioni da "scapoli e ammogliati".
 
Er. Ga.
Palla al Centro, si ricomincia.
Un Derby che ha tutto il sapore della rivincita.
 
Curinga 22-10-2009
 Le novità della settimana sono essenzialmente due:
La prima, è che il Petrizzi nella gara di recupero infrasettimanale, ha regolato la forte Nuova Limbadi con una rete segnata al 51’ minuto del secondo tempo;
La seconda, è che la Nuova Curinga, anticipa a Sabato la sua gara contro la Serrese e, per giunta, giocherà allo stadio di Filadelfia.
La particolarità di questa giornata è che tutte le squadre di “Nuova” generazione, giocheranno tutte in casa.
La Nuova Limbadi ospiterà lo Sporting Davoli;
La Nuova Filadelfia ospiterà il Filogaso;
La Nuova Valle la Uesse Catanzaro;
La Nuova Curinga, come detto, ospiterà la Serrese;
Infine, la Nuova Polisportiva Acconia, ospiterà l’Ansel Acconia in un derby che ha tutto il sapore della rivincita. Sarà questa una partita dallo spettacolo assicurato perché si affrontano in un momento di forma smagliante per entrambe . La Polisportiva, ci ha ormai abituati a prestazioni di prestigio, merito anche del suo Allenatore Mister Fioretti; Anche l’Ansel Acconia non è da meno perchè si sta ormai consacrando come squadra rivelazione del campionato.
Un secondo derby si giocherà a Petrizzi tra la squadra di casa e il blasonato Badolato. I locali, galvanizzati dalla vittoria infrasettimanale ottenuta contro una forte Nuova Limbadi, punteranno alla vittoria consapevoli sia della loro forza che  dal momento poco felice che sta attraversano il Badolato che, purtroppo, non riesce più a vincere. Non sono solo i due derby a catturare l’attenzione dei tifosi perché, domenica, si giocheranno partite di notevole importanza per la evoluzione della classifica generale. Saranno in buona parte scontri di vertice o quasi, con la Nuova Limbadi che ospiterà lo Sporting Davoli mettendo a confronto il migliore attacco (Sporting Davoli 16 reti all’attivo) contro la migliore difesa (Nuova Limbadi con 2 reti al Passivo).
Nuova Filadelfia – Filogaso sono entrambe assetate di punti e vorranno dimostrare ai propri tifosi che la posizione occupata dal Filogaso non è casuale ma frutto di sagacia tattica, e che, la carenza di punti in classifica generale  è per il Filadelfia solo momentanea .
Importanza fondamentale assume la partita tra Nuova Curinga e Serrese. I padroni di casa sono consapevoli che non si possono più permettere passi falsi perché, se dovesse succedere un’altra volta, si complicherebbe ulteriormente il progetto di risalita. Mister Spina, al quale trema ormai la terra sotto i piedi, dovrà inventarsi schemi e tattiche nuove se vuole avere la meglio sulla capolista Serrese. Bivongi – Euro Girifalco è una partita che potrà dire tante cose: primo fra tutte  se i locali, sono sempre quella  solita squadra dal rendimento altalenante e se, le sue sonore sconfitte sono solo causa di male di trasferta. Per l’Euro Girifalco, che ha ancora una partita da recuperare, potrà  essere la partita che gli potrebbe far fare il definitivo salto di qualità.  Partita da tripla è San Calogero – Real Pianopoli. Da una parte, perché i padroni di casa, pur non attraversando un momento di forma felice, possono sfruttare il fattore campo a loro favorevole. Dall’altra perché il Real Pianopoli si presenterà col morale alle stelle per avere ottenuto, domenica scorsa, una vittoria eclatante contro una squadra favorita di questo campionato. Scontro tra poveri quello che si disputerà tra Nuova Valle e Uesse Catanzaro perché sono le squadre che occupano attualmente le ultime due posizioni di classifica.  Delle due squadre, la Nuova Valle, pur perdente, può almeno vantare delle ottime prestazioni mentre, la Uesse Catanzaro, non può vantare nemmeno queste.
 
Er. Ga.
  1. CURINGA    3 - 1    SERRESE
 CURINGA: Sorrentino, Currado, Pettinato, Tuoto, Cerra, Carnillò, Martinez, Marturano ( 22' st. Schiavello), Zerbonia, Grandinetti G. (30'st Gigliotti), Serratore (40' st Riga).
In panchina: GrandinettiF, Fragalà, Pavonessa, La Fortuna
Allenatore. Spina
MARCATORI: 7' pt Grandinetti (N. e), 28' pt e 38' st Serratore (Ne), 43' st Pisani (S)
 
SERRESE: Carioti, Caridà, Lo Bianco, Fortebuono, Lattari, Scidà, Greco, Pisani M., Ghiera, Franzé II, Zaffino L.
In panchina: Zaffino B., Rullo, Pisani G., Inzillo
Allenatore. Stumpo
ARBITRO: Marafioti di Cosenza
 NOTE: ammoniti: Greco (S)
 
 
Tris di reti per i padroni di casa. Non serve il gol degli ospiti al 43' st
La N. Curinga espugna la Serrese
di  MIRRO TASSONE
 
CURINGA - Nell'anticipo i locali hanno affondato la Serrese con un perentorio 3-1. Certo i ragazzi di Albano dalla loro hanno l'attenuante di aver disputato il match senza lo squalificato di lungo corso Stumpo, l'indisponibile Russo e l'infortunato Valente. Dopo appena 7' la compagine di Spina passa in vantaggio con Grandinetti, veloce a sfruttare una clamorosa disattenzione della difesa bianco blu. 4' dopo un rinvio corto di Carioti regala a Serratore la palla del doppio vantaggio. Nella ripresa i locali cercano di addormentare il match. Al 38' le speranze della Serrese vengono definitivamente mortificate dalla doppietta di Serratore che manda fuori causa il non esente da colpe Carioti. A 2' dal termine la compagine di Albano riesce ad accorciare le distanze con Pisani.
Il Quotidiano
 
Su un terreno di qualità, una squadra di qualità.
Lezione di Calcio dalla Nuova Curinga alla capolista Serrese.
 
Filadelfia 24-10-2009
Su un campo di qualità, una squadra di alta qualità. E' la Nuova Curinga che fornisce una lezione di calcio alla capolista Serrese divertendo, oltre ogni aspettativa, i suoi tifosi.
Troppa qualità in questa squadra per un campionato di Prima Categoria; un Tuoto monumentale un Grandinetti superbo, un Camillò fenomenale, un Marturano superlativo e così via dicendo per tutti i giocatori in campo.
Il giocatore tatticamente indispensabile a questa squadra è Zerbonia che, assieme a Serratore costituiscono una coppia d'attacco perfetta. Il primo a creare spazi ed il secondo a svariare dietro la prima punta per inserirsi al posto giusto e, al momento giusto negli spazi e trasformare in rete tutto ciò che la sua squadra produce.
Dalla prestazione di oggi si può anche capire perchè, questa squadra ha subito tre sconfitte consecutive ed è comprensibile se si pensa alla grinta e all'agonismo messi in campo da ogni squadra di questo campionato.
Quando si incontrano squadre di alta qualità tecnica come quella della Nuova Curinga, gli avversari rimangono incantati e, altro non possono fare che, contrastarli sulla grinta e sull'agonismo che a questi giocatori , purtroppo mancano.
La bella partita di oggi ha riconciliato i numerosi tifosi  della Nuova Curinga presenti sugli spalti con la squadra, ed oggi, hanno avuto conferma che, su un terreno o, campo di patate, come quello di Curinga, questa squadra, non può esprimersi al meglio per cui, si trova inevitabilmente in evidente difficoltà. 
Ottime squadre quelle viste oggi in campo, con due schieramenti speculari e, con giocatori di ottima qualità da ambo le parti. Un 4-3-3 che ha catalizzato il gioco per lungo tempo a centrocampo. Alla Nuova Curinga sono però bastati solo sette minuti per passare in vantaggio ed altri venti per raddoppiare. Chiude infatti il primo tempo sul due a zero e ciò potrebbe rendere paga una qualsiasi squadra. Non la Nuova Curinga di oggi che, azione su azione, costruisce, diverte e sfiora la terza rete in più di una occasione, fermati solo dai legni della porta avversaria. Il portiere Sorrentino vive oggi una giornata tranquilla, anche perchè l'asse centrale Camillò Marturano Zerbonia funzione a meraviglia. Colpiscono ancora alla mezz'ora del secondo tempo con l'uomo inarrestabile, Serratore, che supera con un pregevole pallonetto il portiere ospite.
Nonostante il passivo, la Serrese si muove bene, soprattutto con palla a terra e, con i suoi uomini migliori  Fortebuono, Greco e Chiera. E' proprio Greco che, al 42' del secondo tempo, direttamente su punizione, segna la rete del definitivo 3-1, perforando la difesa con un fendente che si infila tra le gambe della barriera e si insacca in rete nonostante l'estremo tentativo di parata di Sorrentino.
Concludiamo pronosticando la Nuova Curinga come squadra prossima al rientro nei ranghi che le competono; troppo forte per non essere così ma, dalla prossima, quale stadio ospiterà le sue partite? Constatato ormai che il "Carlo Piro" di Curinga è inadeguato a questa squadra, perchè non pensare ad una stabile disputa delle proprie partite a Filadelfia? In questo stadio infatti,  la squadra ha dimostrato tutte le sue qualità.
Può essere questo uno schiaffo morale alla amministrazione comunale che, tanto ha promesso durante la campagna elettorale e che tanto poco ha fatto per aiutare questa squadra e questi tifosi che, sicuramente, meritano ben altro.
Se la "voglia di futuro è questa", allora segniamocela al dito e ricordiamocene alle prossime elezioni.
 Er. Ga. 
  1. P. ACCONIA   0 - 2   ANSEL A.
 
  1. P. ACCONIA: Oscuro, Condoleo (24' st Trovato V.), Serratore, Muraca D., Trovato R., De Pace, Panzarella, Landolfi, De Sensi, Dell'Aquila (8' st Nosdeo), MuracaG.
In panchina: Guzzi, Catanzaro, Mastroianni, Neri, Chiodo.
Allenatore: Fioretti
Ammoniti: De Sensi, De Pace, Muraca D., Condoleo e Nosdeo (NA), Di Cello L., Orlando, Michienzi (A). Angoli 3-2 per l'Ansel.
 
ANSEL A.: Buccafurni, Colloca, Michienzi (31' st Perri), Muraca S., Di Cello F., Vasta (38' st Molinaro), Morelli, Orlando (43' st Torcasio), Arcuri, Di Cello L.
In panchina: Matarazzo, Perugino, Lepore.
Allenatore: Galioto
ARBITRO: Fiorenza di Locri
MARCATORI: 14' st Di Cello S., 22'Orlando.
NOTE: espulsi al 35' st De Sensi e Fioretti.
 
L'Ansel vittoriosa con Di Cello e Orlando
 
ACCONIA 25-10-2009 - L' Ansel si aggiudica il derby di Acconia. Nel primo tempo, due le azioni degne di nota. Al 13' un tiro di Muraca diretto all'incrocio, vede il portiere Boccafurni, in una respinta spettacolare. Lo stesso estremo difensore si ripete, respingendo al 38', un colpo di testa di De Sensi, su assist di Dell'Aquila. Pallone che finisce sui piedi di Panzarella che, costringe alla parata il portiere ospite. Nella ripresa le due reti. Di Cello S. raccoglie una punizione di Arcuri e di testa, batte Oscuro, il raddoppio di Orlando su cross di Di Cello L. Da segnalare l'infortunio a Vasta.
b.s.
Polisportiva Acconia   0 2   Ansel Acconia
 
Polisportiva Acconia: Oscuro, Condoleo, Serratore,  Muraca, Trovato R., De Pace S., Panzarella, Landolfi, De Sensi,   Dell' Acquila, Muraca.
In Panchina: Guzzi, Catanzaro, Mastroianni, Nosdeo, Neri, Trovato V., Chiodo
Allenatore: Fioretti
 
Ansel Acconia:  Buccafurni, Muraca S., Colloca, Michienzi, Di Cello S., Mercuri L.,  Morelli,  Vasta,  Orlando, Arcuri, Di Cello L.,  
In Panchina:  Matarazzo, Lepore,  Perugino, Torcasio F.,  Molinaro G.   Perri G.,
Allenatore: Galeoto
Marcatori: 15' s. t. DiCello S. 25' s.t. Orlando
ARBITRO: Fiorenza da Locri 
 
La Polisportiva Acconia inciampa sull'Ansel Acconia.
Un arbitraggio disastroso che, condiziona la partita ma non il risultato.
 
Acconia 24-102009
E' stata una bella partita quella giocata tra la Polisportiva Acconia e Ansel Acconia.
Un Derby che ha avuto tutto il sapore della vendetta e che si è gioca in condizioni ideali di pubblico, di condizioni atmosferiche e, non per ultimo di condizioni fisiche ottimali per gli atleti delle due squadre.
Una partita sentita dalle tifoserie locali e, la numerosa presenza sugli spalti ne è stata la conferma. Nessun timore per eventuali intemperanze esterne perchè, Acconia, con le sue tifoserie, ha già dimostrato grande civiltà, comportandosi come di dovere nonostante si trattasse di un Derby. Unica forza dell'ordine una sola guardia municipale alla quale, solo successivamente si sono associati i Carabinieri della locale stazione senza però che ce ne fosse bisogno.
Le due squadre scendono in campo per affrontarsi a testa alta e, dispongono in campo tutte le carte preziose di cui dispongono: Arcuri , Orlando e Di Cello da una parte e, Muraca, dell'Aquila e De Sensi dall'altra.
Schieramenti  inizialmente prudenti con le due linee difensiva e di centrocampo molto vicine tra loro e che lottano con vigore a centrocampo. Partita maschia che i giocatori mettono in atto fin dall'inizio della gara; nessuno, nei contrasti, si tira indietro e, per questo, l'arbitro, interpretando come violenti i normali contrasti di gioco, fischia continuamente spezzettando sistematicamente lo stesso. Il primo quarto d'ora è dell'Ansel ma, nel successivo è la Polisportiva Acconia a farsi vedere dalle parti di Buccafurni.
I pericoli, per l'intero primo tempo, arrivano solo da calci piazzati e, la paura di perdere, lascia le due squadre più a contenere le folate degli avversari che ad attaccare l'avversario stesso.
Un primo tempo, nel complesso equilibrato, che si chiude sullo 0-0 e che mantiene inalterate le possibilità di vittoria per entrambe le squadre.
Nel secondo tempo, la partita si ravviva con tentativi che si alternano ora da una parte ora dall'altra.
Al 15', arriva il vantaggio dell'Ansel. Calcio piazzato guadagnato, con intelligenza dall'ottimo Di Cello L., cross al centro con repentino inserimento  di Di Cello S. che, di testa, batte Oscuro sul primo palo, incredibilmente sguarnito.
La reazione della Polisportiva si esaurisce con dei cross alti in area che diventano facile preda per Buccafurni. L'Ansel, in ogni caso, non si limita a controllare ma, attacca come e quando può, prediligendo in questa fase il contropiede col velocissimo Orlando al centro e il funambolico Arcuri sulla destra. Ottima in questa fase la disposizione tattica di Vasta che, oltre a diventare con la sua velocità un pericolo per la difesa avversaria, torna, sulla linea difensiva a protezione della stessa difesa. L'arbitro, in questa fase, comincia a perdere l'orientamento perchè fischia e ammonisce indiscriminatamente e, in alcuni momenti anche senza motivo.
La paura di essere espulsi per doppia ammonizione, condiziona i giocatori della Polisportiva che mollano le strette marcature sugli avversari. Questi ultimi sono pronti ad approfittarne passando in vantaggio una seconda volta con Orlando che, questa volta, supera Oscuro in uscita, legittimando così la superiorità della sua squadra.
La reazione della Polisportiva è veemente ma è frenata dall'arbitro che continua a fischiare e ad ammonire senza cognizione di fatto. Ne fanno le spese prima De Sensi, espulso per doppia ammonizione e successivamente l'allenatore Fioretti,  reo di avere contestato una decisione arbitrale.
Animi tesi ma, contenuti nella protesta e nei modi di protestare, sia contro il direttore di gara che contro gli avversari del resto, nessuno ci sta a perdere, ed una delle due squadre stava perdendo. Sul due a zero, la partita è praticamente chiusa e, gli estremi tentativi della Polisportiva di segnare almeno una rete, si infrangono sistematicamente sulle decisioni arbitrali che, riesce ad alterare gli animi anche al di là del dovuto. Si trova addirittura sulla traiettoria del pallone quando Landolfi, con un violento tiro inquadra la porta avversaria, salvando Buccafurni da una possibile insidia.
Con questa vittoria l'Ansel conserva la testa della classifica, proponendosi non solo come squadra rivelazione ma anche come squadra compatta, tecnica e dura da battere.
L'Ansel, assieme alla Nuova Curinga costituisce, per questa giornata di campionato, l'orgoglio per la comunità di Curinga. Aspettiamo di conglobare in questi trionfi anche la Polisportiva Acconia che, pur non mancando di qualità di gioco, manca attualmente nei risultati.
Er. Ga.