Campionati dal 1947/48 al 1957/58

CAMPIONATO CALCISTICO 1947/48

 Il primo Campionato di Prima Divisione dell'anno 1946/47 vede vincitrice (come detto) la vicina "Vigor Nicastro" e l'entusiasmo raggiunge anche Curinga tanto che, l'anno successivo (Campionato 1947/48), anche Curinga ne chiede l'iscrizione e la partecipazione alla Prima Divisione.

La Lega, visto il numero e la zona di provenienza della varie squadre di calcio affiliate, decide di formare ben tre gironi comprendente otto formazioni ciascuno; il primo denominato montano, il secondo Ionico ed il terzo ed ultimo Tirrenico. E' proprio in quest'ultimo che il "Curinga" trova allocazione assieme a:
Vigor B Nicastro, Vibonese, Cittanova, Pro Palmi, Mamerto, Tropea, Bagnara, Taurianova, Calcementi Vibo Marina. Le prime due di ogni girone (escluse le formazioni B) si qualificano per il girone finale e quindi per contendersi il posto nel nuovo campionato di Promozione o di Quarta Serie.

In finale, a conclusione della stagione agonistica si ritrovano: Esperia Castrovillari, Rossano, Locrese, Mamerto e Pro Palmi.

Riuscì a prevalere fra tutte la Pro Palmi (squadra del Girone Tirrenico) che guadagna così il passaggio alla Categoria Superiore.

Il Curinga si difende con grande dignità riuscendo ad ottenere vittorie importanti (quale ad esempio quella sulla Calcementi per 3-0) ben ricordata ancora dai giocatori del tempo ma, non è riuscita a primeggiare su formazioni che di certo erano più attrezzate ed organizzate di Lei.

La squadra dell'U.S. Curinga che affronta questa prima avventura in Campionati riconosciuti dalla Lega Calcistica Calabrese, è gestita a livello dirigenziale dai soliti Gaudino G.B. , Lo Russo V.,    Piro D. , Mastro Argantonio ecc. e, schiera tra le sue fila solo due elementi locali (Calvieri G.Battista e Mazza Giuseppe) tutti gli altri provengono da fuori e richiedono spese di gestione e retribuzione tali che, come vedremo, porteranno l' U.S. Curinga a gravi crisi finanziarie e conseguente cambio di gestione dirigenziale.

La formazione comprende: Popello (portiere, proveniente da Nicastro) che sostituisce il portiere locale De Sando Tommaso; Leone  (terzino destro, proveniente da Sambiase); Mauggeri (terzino sinistro, proveniente da Nicastro e che funge sia da giocatore che da allenatore); Gagliardi (mediano destro, proveniente da Cetraro);
Porchia ( centromediano, proveniente da Nicastro); Calvieri (mediano sinistro, giocatore del luogo); Occhiuzzi (ala destra, proveniente da Cetraro); Mercuri (mezzala destra proveniente da Nicastro); Mazza (centravanti, anche se aveva iniziato la sua carriera da difensore) anche lui giocatore del luogo; Malerba (mezzala sinistra, proveniente a Nicastro); De Notaris (ala sinistra, proveniente da Cetraro ?);
I giocatori provenienti da fuori (9/11) venivano retribuiti e gli venivano rimborsate tutte le spese viaggio.

I costi erano per i tempi abbastanza proibitivi tanto che, più volte, la società si trovò in gravi difficoltà economiche.

 CAMPIONATO CALCISTICO 1948/49

 Il Campionato 1948/49 vede il Curinga sicuramente impegnato nel girone C di Prima Divisione e ciò è confermato da un Bollettino datato 18-5-1949 che riguarda le squadre di Mamerto, Vibonese, Sambiase, Polifrondi, Calcementi, Palmese B e Bagnara e che viene spedito ai Presidenti delle squadre interessate.
Si qualificheranno per contendersi l'unico posto disponibile nel campionato di Quarta Serie le prime tre classificate.

Il Fatto: Il campionato è in pieno svolgimento quando si consuma la sciagura di Superga dove il grande Torino di Maroso e Mazzola trova la Morte.

Tanta commozione ma, il campionato procede e si conclude, dopo una accesa partita tra il Castrovillari e il Roccella finita a favore di quest'ultima che però rinuncia alla iscrizione alla Categoria superiore (Forse i soliti problemi Economici che, per i tempi, erano quelli che maggiormente condizionavano la vita sportiva dei piccoli centri con piccole squadre).

Anche in questo caso il Curinga ha ben figurato difendendo al meglio l'onore del Paese riuscendo a ben figurare per la seconda volta consecutiva nella sua storia calcistica, nei Campionati riconosciuti dalla Lega Calcistica Calabrese.
Schiera tra le sue fila gli stessi elementi dell'anno precedente con solo due elementi locali (Calvieri G.Battista e Mazza Giuseppe tutti gli altri provengono da paesi più o meno vicini.

L' U.S. Curinga a causa delle pesanti spese di gestione si trova in grave crisi finanziaria e due anni dopo, come vedremo, cambierà gestione dirigenziale.
La formazione comprende:

  • Popello (portiere, proveniente da Nicastro) che sostituisce il portiere locale De Sando Tommaso;
  • Leone (terzino destro, proveniente da Sambiase);
  • Mauggeri terzino sinistro, proveniente da Nicastro e che funge sia da giocatore che da allenatore;
  • Gagliardi (mediano destro, proveniente da Cetraro);
  • Porchia (centromediano, proveniente da Nicastro);
  • Calvieri (mediano sinistro, giocatore del luogo);
  • Occhiuzzi (ala destra, proveniente da Cetraro);
  • Mercuri (mezzala destra proveniente da Nicastro);
  • Mazza (centravanti, anche se aveva iniziato da difensore) anche lui giocatore del luogo;
  • Malerba (mezzala sinistra, proveniente da Nicastro);
  • De Notaris? (ala sinistra proveniente da Cetraro)

 
Tutti i giocatori provenienti da fuori venivano anche in questa occasione retribuiti, e gli venivano rimborsate tutte le spese, comprese quelle di viaggio.
 

CAMPIONATO CALCISTICO 1949/50

La Prima Divisione del Campionato Calcistico 1949/50 vede ancora il Curinga inserito nel girone D assieme alla Calcementi, S.Francesco di Paola, Bagnara, Vibonese, Paolana, Sambiase, Gioia Tauro.

Un campionato sicuramente non facile visto che il Curinga, con Bollettino datato 13-4-1950 si vede costretto a Rinunciare alla gara contro il Calcementi e quindi perde a tavolino contro la stessa.

Problemi organizzativi? I Problemi economici più volte ricordati? Ammutinamento dei giocatori?

A noi non è concesso saperlo.

Disputano la finale le prime classificate dei quattro gironi e la spunta la fortissima U.S.Paolana (ancora una volta squadra appartenente allo stesso girone dell'U.S.Curinga) acquisendo il diritto di accesso alla Quarta Serie.
Vengono riportate qui di seguito ,una serie di annotazioni riferite a quast'anno Calcistico che riguardano spese societarie nonché una formazione che si trovano  scritte su una piccola agenda personale  dell'allora Presidente Sig. Gaudino G.Battista.
Formazione: (in ordine numerico così come sono scesi in campo) Ferraro (DePace); Fragalà; Mazza; Panzarella; Calvieri; Sgromo; Aracri; Lapa; Cefaly; Baroni; DeFina. Riserve Paparatto Antonio; Trovato.

E' importante a questo punto riportare alcune spese che la Società affrontava per sostenere la squadra di Calcio, spese che, come vedremo, riguardano non solo quelle di viaggio per i giocatori che provenivano da fuori, ma anche spese per generi alimentari e non.

Sono interessanti sia per le  " voci di spesa " che per i costi che, pur sembrando oggi ridicoli, per i tempi in cui sono stati sostenuti dovevano essere esosi.
Spese partita del 5-03-1950: G.Battista Calvieri £ 200 ; Spese viaggi Giocatori £ 2.600; per cena giocatori £ 1.000; Camera d'aria (Defina ) £ 300; Viaggio Defina £ 1.700; Bando riunione Soci £ 100; Lacci per Scarpe £ 50; Carne per i giocatori £ 679; Pasta (Angelo Currado) £ 203; DePaola (Bagnara) £ 800; Viaggi "Postale" £ 1.800; Viaggi Treno (Bagnara) £ 9240; Viaggi Treno Canzoniere £ 500; Viaggi Treno Dell'Aquila £ 500.

Già da queste piccole note, si può dedurre che la Partita a cui si riferiscono le spese non può essere che Bagnara - Curinga giocata a Bagnara contro la squadra locale. Si evince dalla spesa "Viaggi Treno £ 9240 " che altro non può essere che una trasferta dell'intera squadra.

Incasso al Campo Sportivo: £ 4.821 più 1 Dollaro, in totale £ 6.021.
Ricevute complessivamente: G.Battista Calvieri £ 5.000; Prof. Tagliati £ 3890; Monteleone P.Antonio £ 5421 più 1 Dollaro. Da Monteleone P.Antonio £ 3600 di spesa, il resto in danaro.

Sono semplicemente appunti di spesa ma, quello che colpisce maggiormente è la puntualità con cui, ogni cosa viene trascritta. Fa ridere di certo la spesa riportata in un foglio successivo che segnala   l'acquisto di chiodi e spago per accomodare le reti, come pure le 40 Lire per "Vino" spese per l'Autista del Camion (Sig. Currado” Stivalina “) usato per le trasferte della squadra che comportava una spesa di £ 4900. Vengono riportati con scrupolosa puntualità anche gli introiti che la Società otteneva attraverso i contributi volontari di Soci sostenitori Ordinari. Si legge: Polito Rocco £ 100; Panzarella F. Antonio £ 100; Alberto Raffaele £ 100; Curcio Domenico £ 100; Mazza Vito di Vincenzo £ 100; Avv. D. Diaco £ 100.  Totale £ 600 (Quote ricavate dai contributi dei Soci Ordinari) .

Dal punto di vista agonistico, si intravede in questa nuova annata calcistica l'inserimento di qualche altro elemento del luogo ma ancora, sono solo piccole apparizioni.
Hanno modo di giocare i seguenti giocatori del luogo: Attanasi Basilio; Attanasi Giuseppe; Garofalo Alessandro; Sgromo Domenico; Mazzotta Giuseppe(II); Mazzotta Giuseppe(I); Anania Matteo; Bevilacqua Bernardino; Bianca Annunziato; Senese Pier Camillo.

Sarà l'anno 1950/51 a dare maggiore sfogo all'esigenza e alla domanda di "gioco" dei giovani locali.

 CAMPIONATO CALCISTICO 1950/51

 La stagione 1950/51 vede un totale rinnovamento sia nel gruppo dirigenziale che nel parco giocatori che, L'U.S. Curinga si trovava a gestire.

Il Sig. Severino Serrao, constatata la ormai difficoltà economica in cui si trovava a navigare la U.S. Curinga, decide assieme ad altri, tra cui il Sig. Lo Russo Domenico (Direttore delle Poste di un Paese vicino e che lo sostituirà poi nella carica dirigenziale), di fondare una nuova Società la "Libertas Curinga".

Si tratta di una Società che annovera Soci Ordinari e Soci Sostenitori, con Tessere di affiliazione predisposte per un pagamento di quote minime di sostentamento della stessa Società.

Si può finalmente dare sfogo all'entusiasmo e alle abilità calcistiche dei giovani del luogo e così facendo si svincola la Società di quelle spese esose che hanno portato allo sfascio la Società dell'U.S. Curinga degli anni precedenti.

Nella stagione 1950/51 i campionati vengono ristrutturati e viene istituita per la prima volta, affiancando la Prima Divisione, anche la Seconda Divisione, Categoria presso la quale il Curinga preferisce affiliarsi forse per motivi di "Vicinanza di Trasferte" che a quel tempo non erano certo facili da affrontare.

Le formazioni che si iscrivono inizialmente al Campionato di Seconda Divisione sono: Catanzaro Marina, Polistena, Soverato, Tropea, Catanzaro Sala, Cetraro, Monasterace Marina, Nicotera, Rizziconi, S. Demetrio Corone, Seminara, Settingiano e Tiriolo.

A distanza di qualche giorno, il numero cresce a dismisura e si iscrivono anche:
Praja a Mare, Diamante, Scalea, Paola B, Rende, Castrovillari, Juventus, Scalese di Corigliano, S. Onofrio, Pizzo, Curinga, S. Caterina Jonio, Assi di Soverato
Le squadre vengono divisi in tre Gironi.

In tale categoria il Curinga vi rimane per parecchio tempo fino a quando una ulteriore trasformazione dei campionati non ne istituisce la Prima, la Seconda e la Terza Categoria, così com'è strutturato ai nostri tempi.

La squadra, ben attrezzata, si difende onorevolmente perché le squadre del girone di appartenenza sono abbastanza forti e di caratura tecnica sicuramente superiore alla nostra.
Del resto, la Prima e la Seconda Divisione dell'epoca lo richiedevano, visto che si  affrontavano squadre di notevole caratura e con ben altre forze economiche alle spalle.
La Vigor B di Nicastro, la Vibonese, la Calcementi di Vibo Marina, il Cittanova, la Palmese ecc., erano di certo squadre ben quadrate e ben organizzate e Curinga, (i fatti lo confermano), non era da meno.

La squadra del 1950/51 annoverava tra le sue fila i seguenti calciatori locali:

De Pace Antonio (portiere), Bruno Pasquale o De Sando Nicola (terzino destro), Sgromo Domenico (terzino sinistro), Gallo Domenico (mediano destro), Attanasi Basilio (centromediano), Veneziano Giovanni (mediano sinistro), Mazzotta Giuseppe II (ala destra), Trovato Giuseppe (mezzala destra), Anania Domenico (centravanti), Mazzotta Giuseppe I (mezzala sinistra), Anania Matteo (ala sinistra ma spesso schierato anche come difensore).

 Gli anni '50 sono anni socialmente difficili. Si è ancora lontani dalla soluzione dei problemi sociali ma, nonostante tutto, il vivere sociale della nostra comunità è tranquillo e sereno.

La nostra squadra di calcio ha ormai lasciato il segno in ogni angolo della Regione, in tutti i posti dove è stata agonisticamente impegnata.

Una squadra forte, ben organizzata che aveva in Cefalì l'espressione massima di tecnica ed eleganza calcistica.

Il pubblico veniva "deliziato" dalle sue eccellenti giocate, e le squadre avversarie temevano più del dovuto la nostra squadra proprio per la presenza di tale giocatore.
La sua presenza in campo era quindi garanzia di spettacolo e spesso di risultato e per questo, il pubblico sugli spalti era sempre più numeroso.
Nel campionato dell'anno 1950, si racconta , che Cefalì (giocatore non tesserato ), giocava spesso  sotto falso nome di Bianca Annunziato.

Con lui in campo siamo competitivi contro tutti e tutti ci temono.

Un fatto da ricordare .

Si affronta una trasferta in quel di Seminara.

Il viaggio è lungo e la squadra è costretta a partire fin di prima mattina.
E' per questo che, ogni giocatore , personalmente, deve provvedere in prima persona al proprio sostentamento alimentare .

Colazione a sacco quindi con contenuto vario e personalizzato.
Pane fatto in casa, olive ,formaggi vari, soppressate e qualsiasi altro ben di Dio arricchiva la colazione di ognuno .

I giocatori, amici e compagnoni tra loro, erano soliti sfottersi e farsi dispetti vicendevolmente.
Si arrivava a rubarsi e a nascondere ogni sorta di cosa personale e, figuriamoci le colazioni e le cose da mangiare che fine avrebbero potuto fare.

Ognuno era quindi sospettoso dell'altro e si adoprava ad ogni stratagemma (borse ermeticamente chiuse, cassetti con lucchetti) e quanto altro potesse servire per difendere le proprie cose.

Il portiere De Pace era convinto di avere trovato la difesa sicura delle sue cose personali attraverso l'uso di una cassetta chiusa con chiave e che quindi, secondo lui, era inattaccabile.

Così non fu perché, proprio in quella trasferta a Seminara, in momenti non sospetti, e prima della partita, Sgromo Domenico, Attanasi Basilio e Mazzotta Giuseppe, con abilità insospettate e con saper fare, hanno scassinato anche la cassetta " ermeticamente chiusa " del De Pace e si sono impossessati delle cibarie di tutti i giocatori ingozzandosi fino all'impossibile.

Fu così che tutti o quasi tutti rimasero a digiuno senza un minimo di cosa per alimentarsi.
Durante la partita i tre "malfattori" chiedevano costantemente acqua da bere, non tanto per placare il sudore  quanto per calmare l'arsura per tutto ciò che erano riusciti a mangiare.

Il resto della squadra, a stento riusciva a mantenersi in piedi, figuriamoci a contrastare l'avversario.

Il risultato finale è di quelli inenarrabili, 9 a 0 a favore dei locali che però fu ribaltato a tavolino perché, per contrastare il nostro " fuoriclasse" Cefalì, anche loro si erano spudoratamente rafforzati con giocatori provenienti da Reggio Calabria.

Il male peggiore lo hanno comunque subito i giocatori " digiuni" perché, privi di ogni altra risorsa economica, hanno potuto soddisfare la loro fame solo in piena notte, quando sono finalmente rientrati dalla lunga trasferta.

Racconta ancora chi ha vissuto in prima persona quella esperienza, che, la fame fu tanta che, a fine partita, hanno dimenticato di ritirare i cartellini dei nostri giocatori lasciandoli in balia nelle mani dei dirigenti della squadra avversaria.
Furono poi spediti per posta alla società dell' U.S. Curinga.

Sono fatti, non parole.

 CAMPIONATO CALCISTICO 1951/52

Il bilancio, ritiene la Lega Calcio, è oltremodo positivo per i risultati raggiunti nel Campionato di Seconda Divisione.

Erano molti infatti che ritenevano l'immediato fallimento di tale innovazione ma, così non è stato, e di ciò se ne deve dare atto a chi, con un pizzico di audacia, li aveva proposti l'anno precedente.

La Libertas Curinga si è ormai ben affermata e ha ben risanato le sue economie gestionali.
L'allora Presidente Sig. Severino Serrao, nell'intento di non esporsi troppo alla popolarità che lo incalzava da ogni parte, delega il  Sig. Currado Giuseppe Commissario unico della Squadra.

Qualche innovazione nel parco giocatori e qualche forestiero in più per dare più peso e validità ad una squadra che, nonostante tutto, aveva ben figurato l'anno precedente.

Gregorace in porta,
Sambiase (terzino destro, proveniente da Briatico),
De Paola (terzino sinistro),
Panzarella Salvatore (mediano destro),
Attanasio Basilio (centromediano),
Sgromo Domenico (mediano sinistro),
Caparra (ala destra),
Senese Pier Camillo (mezzala destra),
Campanella (centravanti),
Barone (mezzala sinistra),
Rizzuto (ala sinistra).

Erano questi i giocatori che hanno affrontato il Campionato   1951/52 ben figurando e ben difendendo l'onore e la dignità del nostro piccolo paese.

E' presumibile che, tale squadra abbia vinto il Campionato perché l'anno 1952/53 la squadra si ritrova iscritta al Campionato di Prima divisione.

CAMPIONATO CALCISTICO 1952/53


L'anno 1952/53 la Calabria annovera le sue migliori squadre tra il Campionato di Quarta Serie (Catanzaro, Cosenza, Crotone, Palmese e Reggina), il Campionato di Promozione con tredici formazioni iscritte e infine la Prima Divisione che annovera ben trentasei formazioni iscritte.

Al Campionato di Prima Divisione si ritrovano iscritte le seguenti squadre:

l'U.S. Ballerin di Catanzaro, S.S. Jonica di S. Caterina, A. Calcio Lago, G.S. Lavalampo di Reggio, Libertas di Castrovillari, Curinga, Spezzano Albanese, Taurianova, S.S. Magdalone di Rende, S.S. "Tenente Mazzuca" di Carolei, S. Sportiva "Nazionale" di Catanzaro, la "Pinuccio Notti" di Grimaldi, l'U.S." Carlo Parola" di Catanzaro, l'ENAL di S. Marco Argentano, la "O. Veraldi" di Catanzaro.

E' di questo Campionato Calcistico la vittoria sulla " Nazionale Catanzaro " per 3-1 maturata in Curinga in data 1-3-1953.

Si racconta di Partita costruita e vinta con astuzia dall'U.S. Curinga per avere messo in atto uno stratagemma che ha molto in comune con l'allagamento dello Stadio Comunale di Catanzaro quando la Squadra locale si trovò ad affrontare la mitica Juventus del mitico Presidente Giam Piero Boniperti e dalla quale partita il Catanzaro ne uscì vittorioso per 1-0.

Il fatto mi è stato raccontato da due miei colleghi professori all’ITIS “E. Scalfaro” di Catanzaro, Ing. Leo ed Ing. Camparota, precedentemente miei insegnanti allo stesso Istituto da me frequentato, che sono scesi in campo contro la squadra di Curinga proprio nella partita di riferimento.

E' successo che, i giocatori, di comune accordo con i dirigenti, decisero di tenere " a mollo" per una intera notte il Pallone con il quale si doveva giocare la partita del giorno dopo.

Era l'unico modo per contrastare la Tecnica della squadra avversaria per cui, l'esuberanza fisica dei nostri giocatori in Campo avrebbe avuto sicuramente la meglio sulla più quotata squadra avversaria.

Così fu perché, i giocatori avversari, già gracili nel fisico ma potenti tecnicamente, nulla hanno potuto fare per cui, sono stati costretti a soccombere per ben 3 reti a 1.
Tale vittoria fu considerata  prestigiosa per lungo tempo e , per lungo tempo la comunità di Curinga ne ha goduto.

 CAMPIONATO CALCISTICO 1954/55

 La stagione Calcistica 1954-55 è forse la peggiore che la squadra di Calcio di Curinga, nella sua storia, abbia mai avuto. All'entusiasmo con cui si era iniziato il campionato non sono mai corrisposti risultati positivi o tali da invogliare i Dirigenti prima e i tifosi poi a partecipare in massa alle manifestazioni sportive come erano ormai abituati. L'impegno andava sempre più scemando e sia la Dirigenza che i Giocatori trovavano sempre maggiori difficoltà a ritrovarsi e a lottare come era solito lottare per una squadra di paese come era Curinga. Non si riusciva quasi mai a far scendere in campo una formazione valida, che potesse cioè contrastare la forza degli avversari, e così facendo, i risultati ottenuti in campo diventavano sempre più clamorosi ed eclatanti. La squadra incassava reti che spesso era impossibile contare, (13-0 a Paola, un gol per ogni stazione commentavano scherzosamente i giocatori del tempo) risultati che definire tennistici è forse poco ma, nonostante tutto, la voglia di giocare c'era, semmai, era la qualità dei giocatori che non erano all'altezza della situazione. In questo contesto, il Dirigente dell'epoca Don Rosario Aloisi, più per scommessa che per fiducia, decise, in una trasferta che il Curinga doveva affrontare in quel di S. Caterina sullo Jonio (prima in classifica del girone), di premiare la squadra con 5000 lire qualora la stessa riuscisse a perdere con risultato non superiore al 3-0 che, per i tempi tristi che la squadra stava attraversando, equivaleva finalmente ad una "quasi vittoria". Racimolata alla meno peggio una formazione d'avventura, la squadra affronta la trasferta tutta speranzosa e ben” caricata " dalla promessa del Presidente. La squadra, forse per stimolo o forse per recuperato coraggio, si comporta come non aveva mai fatto prima, riesce a mantenere il risultato sulla parità 0-0 per lungo tempo nonostante, tra infortuni ed espulsioni la stessa squadra si era ridotta al minimo numero consentito per una partita di calcio, e addirittura, a pochi minuti dalla fine,  riesce a segnare una rete con Attanasi Basilio e quindi a vincere la partita per 1-0 .Il risultato acquisito sul terreno di gioco viene però capovolto dal giudice sportivo che, per scorrettezze varie e per mancato numero di giocatori in campo, dà partita vinta a tavolino al S. Caterina che così può mantenere  il suo primato in classifica.

Al Presidente è comunque bastato il risultato acquisito sul terreno di gioco perché, al rientro dei giocatori dalla trasferta vittoriosa, non solo paga la cifra promessa di 5000 lire ma addirittura aumenta sostanziosamente la stessa con gioia incontenibile da parte dei giocatori che hanno disputato tale partita.

Risale allo stesso anno calcistico un fatto che, a raccontarlo, ha dell’incredibile: si inizia a giocare a Nicotera e si finisce la stessa partita a Limbadi. Si gioca a Nicotera una partita di campionato.

Il terreno è posto a pochi metri dal mare con fondo sabbioso e, come immaginabile, faticoso per giocare una partita di calcio. La squadra del Curinga risente subito di tale difficoltà tanto che, dopo pochi minuti è già sotto nel risultato. I nostri giocatori non ci stanno e, come logico, cercano ogni espediente per risollevare le sorti della partita. Resisi conto che nulla potevano su quel terreno, cercano allora di convincere l'arbitro a sospendere la partita adducendo a giustifica il fatto che, quasi subito, sono sparite le linee che delimitavano il rettangolo di gioco.

Difronte al fatto evidente, l'arbitro non può far finta di nulla per cui, convoca i due capitani per decidere se sospendere o meno la partita. I giocatori locali, pur di mantenere il risultato che li vedeva per il momento vittoriosi, propongono di finire la stessa partita nella vicina Limbadi così, di comune accordo e seduta stante, raccolsero alla meno peggio le robe e, giocatori, arbitro e pubblico compreso si sono trasferiti a Limbadi. Raggiunto il posto, si sono resi conto che, buona parte del terreno di gioco era delimitato dai muri delle abitazioni vicine, così, per poter proseguire la partita, hanno deciso di rinunciare al fallo laterale per cui, erano possibili giocate d’astuzia, facendo battere il pallone al muro per scavalcare più facilmente l'avversario. In questo gioco di abilità i nostri hanno avuto la meglio in quanto sono riusciti a recuperare il risultato che li vedeva inizialmente soccombere.

 CAMPIONATO CALCISTICO 1957/58

 Il Campionato 1957-58 è nei ricordi, e a tali ricordi sono legati tanti avvenimenti sportivi e agonistici. Ormai lo Stadio di Curinga è ben recintato e il terreno di gioco è l'ideale per i Campionati Calcistici in atto, l'ingresso è ormai a pagamento anche se i bambini accompagnati da genitori entrano gratis.

La popolazione intera sente la squadra come sua, qualcosa alla quale è legata affettuosamente e la segue con tanta passione e tanta competenza.

 La squadra è ben organizzata e ben fornita in ogni suo reparto: un ottimo Portiere "Proto" da Nicastro pronto in ogni suo intervento nonché senso innato di posizione tra i pali di porta; Gentile Maurizio dotato di buona classe e idolo delle ragazze  locali tanto da sposarsi poi con una ragazza del luogo; Attanasi Basilio, ottimo stopper e francobollatore di ogni centravanti di squadra avversaria; LuRusso Michele, buon attaccante e ottimo colpitore di testa; Sgromo Bernardo, buon difensore con propensione offensiva.

 Tra tutti, un ricordo particolare per "Giannareju" da Pizzo, ala destra sgusciante, furbo e malizioso, veloce e spesso "bonariamente" rissoso in campo.
 La sua altezza non superava il metro e sessanta ma non per questo meno dotato di tecnica e capacità atletiche. Potente nel dribbling, elevazione e scatto eccezionali e furbo fino all'incredibile.  Rimangono famosi, nonostante la sua bassa statura, i suoi gol di testa come clamorosi restano le sue reti segnate con le mani che, ben riusciva a mascherare con la sua rapidità di movimenti e che per questo pochi riuscivano a coglierne il gesto. Personaggio di eccezionale umanità amato da tutto il popolo Curinghese perché gioviale, chiacchierone, spigliato e molto spiritoso.

     Una Partita storica.

 E' di questi anni la sfida incandescente tra l'U.S.Curinga e l'Olimpia Catanzaro squadra questa di ottima qualità che annovera tra le sue fila un giocatore di natalità Curinghese "Gaudino Giuseppe".

Era questa una squadra che a quel tempo dettava, o pretendeva di dettare legge su ogni terreno di gioco; del resto, molti suoi giocatori avevano più volte militato nei Campionati di Rappresentativa Calabra e giocato partite con squadre di altre regioni difendendosi onorevolmente.

 
Lo scontro tra le due squadre avviene a Curinga in un momento in cui le squadre dominano la classifica del girone che le vedeva entrambe protagoniste ai vertici della classifica.

 Per la squadra di Curinga la vittoria è d'obbligo, non solo per dimostrare che non era di qualità inferiore alla squadra della Provincia ma, anche perché non era mai capitato prima che un giocatore del posto giocasse contro la squadra del suo paese natio.
Duplice obiettivo con un unico risultato.

La partita si sviluppa su un andamento altalenante soprattutto nel risultato che, più volte, durante la partita si capovolge ora a favore di una ora a favore dell'altra squadra in campo.

 Il risultato finale è 4-3 per il Curinga anche perché all'Olimpia gli viene annullato un gol di testa su calcio d'angolo per presunta carica al portiere, ed il quarto gol del Curinga viene probabilmente segnato di mano proprio da Giannareju.
 Parapiglia in campo, proteste vibranti da parte della squadra ospite ma il tutto entro i limiti della correttezza sportiva.

La rabbia della squadra ospite è tanta che buona parte dei suoi giocatori, a fine partita, piangono sommessamente come se avessero perso non una partita di calcio ma piuttosto cosa molto più cara e personale.

E' un ricordo, e tutto è possibile raccontare perché la squadra dell'Olimpia è stata al completo ospite in casa Gaudino che, abitando difronte allo stadio, ha per l'occasione usato la stessa come spogliatoio.

L'Olimpia Catanzaro, per l'occasione scende in campo con la seguente formazione:

Sergi; Gaudino; Melino; Calzona; Colosimo; Bianchi; Lotito; Ceravolo; Mustara; Scerbo; Tranquillo.

Allenatore Giglio Roberto; Presidente Giancotti da Catanzaro.

 La squadra era veramente forte perchè, Il Campionato 59/60 viene vinto proprio dall'Olimpia che, negli anni successivi, stagione 1960/61 e '61/62 partecipa al Campionato di Prima Categoria.

 Nella stagione 1960/61 si ritrova assieme a: Audace di S.Marco Argentario, Bovalinese, Castrovillari, Cariatese, Paolana (che annovera tra le sue fila Giannameo famoso giocatore del tempo), ProPellaro, Rosarno, Pro Cosenza, Siderno, Vigor Nicastro, Gifra Nicastro.

 Il Campionato viene vinto dalla Paolana che viene promossa in serie D.
Nella stagione 1961/62 si trova invece inserita nel Girone A di Prima Categoria con:
Acli di Crotone, Audace, Cariatese, Castrovillari, Cremissa di Cirò, Vigor Nicastro, Nuova Rosarno, Olimpia Mirto, Praia e Pro Cosenza.

 Vince il Girone A il Cremissa Cirò, e per il Girone B il Siderno che si impone poi nell'incontro di spareggio acquisendo il passaggio alla Categoria superiore.

 Sono comunque gli anni di Fanello da Pizzo, giocatore che ha avuto opportunità di giocare persino in Serie A, e di Franco Scoglio, mezz'ala della Palmese, che riesce anche lui a fare buona carriera calcistica.