La Visciula

La vìsciula

 

Il centro poetico del sonetto consiste nella rappresentazione dello stato d’animo del poeta e del turbamento che gli ha provocato la visione del corpo di una ragazza riflesso nell’acqua. Sul piano stilistico $i osservi come all'andamento elle quartine si contrapponga il linguaggio emotivo della prima terzina col suo brusco cambiamento del tono e del ritmo, tutta costruita con frasi nominali, accentazione dei versi sulla prima sillaba, ripetizione anaforica della congiunzione “cuomu".

METRO Sonetto. La rima segue lo schema ABAB, ABAB, CDC, EDE.

La vìsciula, chi nta la giba catta
io jivi mu la pigghju de nta l’acqua,
mentre io cercava, tu, comu na matta
ridivi e mi dicivi:- Sciacqua, sciacqua! -
 
Nta la giba lu piettu tua de latta
vidia natare e tantu chi mi piazza,
avria giratu pe n’annata esatta
mu ti lu puortu sanu nta sti vrazza.
 
Jancu cuomu la nivi de muntagna,
cuomu la schjuma de lu tua sapuni,
cuomu la tila ampràta a la campagna
 
chi tuttu vida e non mi dice nenta.
La vìsciula chi ccatta è nu piscuni,
de chiddu juornu ancora mi tormenta.
 
Dal vol. XXVII, p. 1