Al giro di Boa numeri in doppia cifra

Pro Catanzaro 2010-2011
Palla al Centro – si ricomincia.
Domenica riprende il campionato con l’ultima partita del girone di andata e,
la Nuova Curinga (35) riparte da più dieci sulla coppia Nuova Filadelfia e Pro Catanzaro (25).
Curinga 7-01-2011 – Domenica riprende il campionato con l’ultima partita del girone di andata e la prima dell’anno 2011.
Si riparte da una classifica generale che vede la Nuova Curinga saldamente in testa, con ben dieci punti di vantaggio sulla coppia Nuova Filadelfia e Pro Catanzaro e con San Calogero, Marina di Nicotera e Real Catanzaro a contendersi i rimanenti posti Play-off.
In coda, tranne la Nuova Mileto che è relegata all’ultimo posto, lottano appaiate Petrizzi e Real S. Maria, con Serrese, Filogaso e Cessaniti che stentano a venire fuori da una situazione sempre più pericolosa. Tra le otto partite che chiudono il girone di andata, quelle di spicco sembrano: Pro Catanzaro – Marina di Nicotera e Monasterace – Nuova Curinga.
La prima, anticipata a sabato, mette a confronto due squadre separate da un solo punto che occupano attualmente due posizioni che valgono la disputa dei Play-Off.
Il pronostico propende per i padroni di casa del Pro Catanzaro, che vantano la striscia più lunga di risultati positivi di questo campionato (ben 13), per avere perso solo la prima partita di campionato contro la Nuova Curinga, e per avere poi mantenuto l’imbattibilità su tutti gli altri campi che la ha vista impegnata. Gli ospiti del Marina di Nicotera, sperano, naturalmente di interrompere questa striscia e di invertire la loro rotta che, fino ad ora, li ha visti sempre capitolare contro le squadre più titolate del girone.
Per la Nuova Curinga, che avanza con un ruolino di marcia invidiabile (9 vittorie su dieci incontri), si presenta un ostacolo duro, in quanto affronta una squadra imprevedibile, il Monasterace, capace di ottime imprese, anche se non sempre le sue partite si sono chiuse col risultato a suo favore come le prestazioni avrebbero meritato.
Esempio emblematico, l’ultima sua partita contro il Marina di Nicotera, dove è riuscita a resistere per novanta minuti, per poi cadere sull’ultima azione, vanificando in un solo minuto ciò che di buono aveva fatto.
La Nuova Curinga gioca la sua partita guardando dall’alto dei suoi 35 punti, con ben sedici punti di distacco sugli avversari, e con la voglia di iniziare a fare bene anche in questo 2011.
La squadra è reduce da un risultato a suo favore imposto a tavolino dal Giudice Sportivo, anche se, sul campo, aveva già dimostrato di averlo conquistato con merito.
Incolpevole di quanto accaduto, lo stesso G. S. non ha punito nessuno dei suoi giocatori, riconoscendo solo, attraverso una multa di 300,00 Euro, il concorso in colpa della società, per avere lasciato incustodito un cancello di accesso al terreno di gioco, da dove un tifoso è entrato in campo e ha colpito il direttore di gara.
Il Filogaso si trova ad affrontare tra le mura amiche un Real S. Maria che, in tempi ormai remoti, aveva occupato anche la prima posizione di classifica generale. 86
 
In 10 gare ha conquistato solo due punti incappando in ben sette sconfitte consecutive e precipitando per questo nella penultima posizione di classifica con soli 12 punti, pari punti col Petrizzi. Per tutto questo, per i padroni di casa potrebbe essere l’occasione buona per dare una svolta al suo cammino e dare ulteriore credito ai propositi di ripresa che si sono già manifestati sotto la guida di Mister Alessandro.
Il Gimigliano, dopo il terribile esordio in cui ha subito ben cinque sconfitte consecutive, ha inanellato nove risultati utili consecutivi conquistando 19 punti e tirandosi definitivamente fuori dalla zona pericolosa della retrocessione.
Affronta un Cessaniti con l’acqua alla gola, che necessita di punti classifica perché, i 14 di cui attualmente dispone, non gli garantiscono niente di buono.
Le uniche speranza che gli ospiti hanno, sono legate alle possibili distrazioni in cui i giocatori del Gimigliano spesso cadono e che lasciano spiragli insperati agli avversari.
Basta pensare a ciò che è accaduto nell’ultima di campionato quando, da vincenti al 45’ del secondo tempo, riescono a farsi a pareggiare la partita nei soli minuti di recupero passando dallo 0-2 al 2-2 finale. Incredibile.
Viste le decisioni del Giudice Sportivo, la Nuova Filadelfia dovrà ospitare la Nuova Limbadi in campo neutro, a PARGHELIA, sperando di trovare serenità e assieme a questa quei punti che la manterrebbero nei primissimi posti di classifica generale, riprendendo il percorso delle cinque vittorie consecutive che aveva ottenuto prima della battuta d’arresto subita a Curinga.
Per la Nuova Limbadi si tratta invece di tentare di cancellare al più presto la brutta sconfitta subita in casa ad opera del San Calogero che ha ridimensionato obiettivi ed ambizioni per una squadra che si è sempre ben comportata.
Troppo pochi i 16 punti in classifica per poter affermare che la squadra si trova già al riparo da eventuali sorprese Play-out.
La partita Nuova Mileto – Real Catanzaro può essere un vero test per entrambe le squadre che possono farci capire se esiste ancora possibilità di recupero per i padroni di casa, e se il Real Catanzaro ha ancora energie spendibili in un possibile recupero di posizioni in classifica generale.
La sconfitta subita nel derby, ha segnato il suo percorso ed ha riportato con i piedi per terra una squadra che pensava già di essere la migliore tra le “catanzaresi”, mentre invece dovrà riconquistarsi tutte le credibilità.
La Nuova Mileto ha espresso leggeri segnali di ripresa, soprattutto dopo avere ottenuto la prima vittoria di campionato. Non è ancora detta l’ultima parola sulla fine di questa squadra, ma è certo che se continua a non fare punti, sarà difficile raggiungere quella quota salvezza che si trova attualmente a 6 punti di distanza.
L’implacabile San Calogero, migliore attacco del campionato assieme alla Nuova Curinga con 26 reti messi a segno, incontra un Petrizzi che non vince da 6 turni consecutivi, e che la sua ultima vittoria risale al 7 di Novembre, quando ha battuto in casa la Nuova Filadelfia.
Una partita che non prevede possibilità di scampo per gli ospiti anche perché il San Calogero è impegnato nella rincorsa o, nel mantenimento di una posizione Play-Off che già occupa.
Tra le altre cose, è da dire che è l’unica squadra ad essere andata a segno in tutte le partite giocate, tranne in quella persa in casa contro il Real S. Maria, e ciò è un ulteriore elemento negativo a sfavore degli ospiti del Petrizzi.
La Serrese è un’altra di quelle squadre che ha ripreso a vincere solo dopo 4 sconfitte ed un pareggio, compromettendo così ogni aspirazione di grandezza. Affronta un Badolato, in parte rinnovato ed in netta ripresa di prestazioni. Potrebbe verificarsi l’aggancio in classifica generale ma, dopo le due sconfitte consecutive subite in casa dalla Serrese, nessuno si fida, e soprattutto nessuno è convinto che possa arrivare la “ vittoria scaccia crisi”, che però tutti sperano.
Er. Ga. 87
 
Ottimo inizio anno 2011 per la Nuova Curinga
Monasterace - Nuova Curinga 1-2
Curinga 9-01-2011 – La Nuova Curinga con le reti di Cello Salvatore e Arcuri, vince a Monasterace e consolida il suo primato in classifica generale.
Le sue inseguitrici non sanno fare di meglio perché finiscono in parità sia la partita tra Pro Catanzaro e Marina di Nicotera (1-1) che quella tra Nuova Filadelfia e Nuova Limbadi (0-0). Vince il San Calogero contro il Petrizzi (1-0), e conquista il secondo posto in classifica generale.
Questa ennesima vittoria (la dodicesima) conquistata dalla Nuova Curinga, ribadisce, per chi ancora non lo avesse capito, che quest’anno non ce n’è per nessuno, e la squadra, non ha intenzione di “mollare l’osso” cercando di arrivare fino in fondo, ancora in testa alla classifica generale.
I numeri parlano chiaro e sottolineano che mentre la Nuova Curinga vola, le altre arrancano non riuscendo a mantenere il suo passo. In questa domenica si salva solo il San Calogero, che con la sua vittoria, scavalca contemporaneamente Nuova Filadelfia, Pro Catanzaro e Marina di Nicotera .
I dieci punti di vantaggio sulle seconde in classifica generale, con i quali si è chiuso il 2010, alla chiusura del girone di andata e all’inizio del 2011, sono diventati undici, e con questo tesoretto, non si può che essere soddisfatti, orgogliosi e fiduciosi nella conquista finale del primo posto, che varrebbe la tanto sospirata “Promozione”.
Er. Ga.
Con un vantaggio di 11 punti sulla seconda, il destino in vetta sembra segnato
Nuova Curinga, primato Blindatissimo
Pur senza brillare la capolista espugna il campo di Monasterace
MONASTERACE 10-1-2011- La capolista del torneo Nuova Curinga pur non in giornata di grazia batte un generoso Monasterace, per due reti a uno al termine di una gara in cui i padroni di casa hanno giocato meglio degli ospiti.
Il Monasterace è andato vicino al gol del vantaggio dopo solo quattro minuti con Polimeno che servito da Condemi impegna severamente il bravo Michienzi. Al 13' è Arcuri ad andare vicino alla segnatura con un tiro fuori da buona posizione.
Poi dopo una buona iniziativa di Arcuri il Monasterace va vicino al gol prima con Romeo imbeccato da Condemi, e poi per ben due volte con Zannino A. che in entrambe le circostanze è stato imbeccato da un ottimo Polimeno ma che non è riuscito a trovare l'attimo fuggente per insaccare.
Nella seconda frazione gli ospiti passano in vantaggio su rigore concesso giustamente da Morabito per l'atterramento di uno scatenato Di Cello S. da parte di Zannino L. Dagli undici metri Arcuri batte Minici che intuisce ma non arriva sulla palla.
Al 20' st pareggio del Monasterace con il solito Zannino A. che su calcio d'angolo di Condemi insacca di testa.
Nuova Curinga che sigla il gol del definitivo 2-1 con Di Cello S. che in mischia batte Minici su azione da calcio a fermo.
Poi occasione per Condemi che tira fuori da buona posizione. Nel finale la gara si innervosisce un po' e ne fanno le spese De Leo e Serratore F. espulsi per reciproche scorrettezze. 88
 
MONASTERACE: Minici 6, Zannino L 6 (37' st Squillacioti sv), Cavallaro 6, Lorenti 6 (35' st Coniglio G. sv), Coniglio F. 6, De Leo 6, Romeo 6, Spanò 6,5, Zannino A. 6,5 (27' st Murdolo sv), Condemi 6,5, Polimeno 7.
In panchina: Baldan, Costa.
Allenatore: Condemi 6
NUOVA CURINGA: Michienzi 7, Serratore F. 6, Colloca 6, Vasta sv (23' pt Cerra 6,5), Di Cello S. 7, Frijia 6, Serratore A. 6 (38' st Martínez sv), Nosdeo 6, Di Cello S. 7,5, Arcuri 6,5(21 ' st Olivo 6), Marturano6.
In panchina: Grandinetti, Mazza, Rondinelli, Gigliotti.
Allenatore: Baroni 6,5
ARBITRO: Morabito di Taurianova
MARCATORI: 14' st(rig.) Arcuri (NC), 20' st Zannino A. (M), 32'st Di Cello S.(NC)
NOTE: Espulsi: al 42' st Serratore F (NC) e De Leo (M) per reciproche scorrettezze
di VINCENZO RACO
Il Quotidiano
A Palle Ferme
Si è chiuso il girone di andata di prima categoria
laureando la Nuova Curinga “Campione d’inverno”.
Curinga 11-1-2011 - Si è chiuso il girone di andata di prima categoria, laureando la Nuova Curinga campione d’inverno.
Un titolo non decisivo ma semplicemente di riconoscimento a chi, nelle quindici partite previste si è distinto particolarmente pe il suo rendimento che la ha posto in testa alla classifica generale.
Se diamo uno sguardo agli altri gironi di prima categoria calabrese, notiamo che nessuno ha fatto meglio della Nuova Curinga che ha conquistato 38 punti in classifica generale, che ha vinto dodici partite su quindici giocate, perdendone solo una e pareggiandone due, che ha siglato 28 reti subendone solo 10.
Numeri da capogiro se si pensa che, il Rocca Calcio del girone B, anch’essa capolista nel suo girone, pur non avendo perso nessuna partita, ha conquistato 33 punti, vincendo 9 partite su 15 giocate, avendone pareggiate 6, avendo segnato 22 reti e subendone 11.
Tutto questo, per dire ciò che sta facendo la Nuova Curinga, sono per il momento, da guinness dei primati, non solo per quanto numericamente riportato, ma anche e soprattutto per gli 11 punti di vantaggio che mantiene sulla seconda classificata San Calogero. 89
 
E’ questo un tesoretto che, se ben gestito e ben amministrato, come la squadra sicuramente saprà fare, può avere chiuso definitivamente fin da ora, le speranze di primato per le altre squadre concorrenti al primato.
Potrebbe essere quella Promozione tanto inseguita e desiderata che, finalmente potrebbe gratificare il gruppo dirigente, che ha operato come meglio no si poteva operare, nonché i tifosi locali che, con tanta competenza, domenica dopo domenica seguono la loro squadra appassionatamente.
Si è chiuso il girone di andata con tre squadre che fanno bottino pieno fuori casa (Nuova Curinga a Monasterace, Real Catanzaro a Mileto e Cessaniti a Gimigliano);
con due pareggi tra le squadre inseguitrici come Pro Catanzaro - Marina di Nicotera e Nuova Filadelfia - Nuova Limbadi, giocata sul neutro di Parghelia;
con tre vittorie tra le mura amiche tra le quali spiccano il 4-2 della Serrese sul Badolato e la vittoria del San Calogero sul Petrizzi per 1-0.
Senza alcun problema la vittoria del Filogaso sul Real S. Maria che condanna gli ospiti alla penultima posizione di classifica, e che contemporaneamente, comincia a dare speranza ai locali che intravedono a breve distanza le posizioni Play-Off che gli sono sempre interessati.
La Nuova Curinga, vincendo a Monasterace, “Blinda il Primato”. Così titola uno dei quotidiani locali nella cronaca riferita all’incontra della capolista Nuova Curinga col brillante Monasterace.
Non una partita brillantissima ma, efficace a tale punto da fruttare l’intera posta in palio. Dopo il Real Catanzaro, non si è trovata più una squadra in grado di battere la corazzata Nuova Curinga, che si distacca sempre più dalle sue dirette inseguitrici, portando a undici i punti di distacco sulla seconda.
Con una super difesa, un efficiente attacco ed una spregiudicatezza che sono ormai gli elementi caratterizzanti questa squadra, si sta marciando a passo veloce verso un traguardo prestigiosissimo.
Il Monasterace ha fatto la sua partita dando fondo a tutto le sue buone risorse, ma alla fine ha dovuto chinare la testa, capendo che contro la capolista, ci vuole qualcosa in più per poterla battere.
Il Pro Catanzaro continua a non perdere ma, pareggia l’ennesima partita contro una sua diretta concorrente Marina di Nicotera. Così facendo, le distanze dalla vetta aumentano e le aspettative di primato svaniscono, anche perché la Nuova Curinga non dà segni di cedimento.
Il Marina di Nicotera conquista finalmente un punto negli scontri diretti, sfatando la convinzione, che solo con i piccoli sa essere una squadra grande. Passa in vantaggio per primo ma, non riesce a contenere il ritorno della squadra locale che riesce a pareggiare le sorti della partita dopo solo 13 minuti.
Non riesce a fare bottino pieno la Nuova Filadelfia contro una Nuova Limbadi che precipita sempre più verso il basso. Il neutro di Parghelia e la sosta natalizia, dopo la batosta del Giudice Sportivo, non gli portano fortuna e non riescono a portare a casa quella vittoria che, dopo gli accaduti di Curinga, gli avrebbero risollevato il morale.
La Nuova Limbadi, con una onesta partita, porta a casa un punticino che, in questi tempi di magra, può far comodo, ed è da considerarsi ottimo, anche per la caratura degli avversari che hanno incontrato.
Un San Calogero cinico, privo del suo bomber Nesci, piega un Petrizzi con l’unica rete arrivata dopo appena dieci minuti di gioco. Si poteva a questo punto pensare ad una goleada, ed invece i ragazzi di Mister Romano si sono trovati di fronte una squadra che si è difesa ad oltranza, rendendo vani tutti i successivi tentativi di andare a rete da parte dei locali. 90
 
Sarà stata la tragica situazione di classifica in cui si trova che ha fatto del Petrizzi una squadra volitiva, capace di difendersi ma incapace di reagire concretamente alla rete subita ad inizio partita. Sarà per la prossima.
Inizia bene il 2011 per il Filogaso di Mister Alessandro che ritorna alla vittoria contro un Real S. Maria, abbandonando definitivamente la zona retrocessione e intravedendo addirittura qualche spiraglio per la zona Play-Off.
Del resto, se le squadre che precedono non vincono, è inevitabile che la classifica si accorci.
Così facendo, le speranze aumentano per tutte, anche per quelle squadre che si trovano distante solo sette punti da questa zona, quando siamo solo alla fine del girone di andata.
Il Real S. Maria, assieme al Petrizzi, è la squadra che ha perso di più in questo campionato e sono queste le squadre, assieme alla Nuova Mileto, più indiziate per la retrocessione.
Brutto scivolone interno del Gimigliano che perde, dopo una lunga serie di partite positive, contro un Cessaniti desideroso di venire fuori dal fondo della classifica generale. I locali sprecano troppo, giocano con superficialità e sono così messi sotto da una squadra che si è sempre distinta per il bel gioco ma non per le vittorie ottenute.
Con questa vittoria, il Cessaniti raggiunge in classifica generale la Nuova Limbadi, e spera di potere agganciarne qualche altra delle cinque squadre che la precedono di solo uno o due punti .
Il pari ottenuto nei minuti di recupero dal Real S. Maria nell’ultima partita dell’anno 2010, era abbastanza significativo; non frutto di casualità ma di immotivata sbadataggine dei ragazzi del Gimigliano, cosa che si è inevitabilmente ripetuta contro il Cessaniti e da questi dovutamente puniti.
Una goleada quella del Real Catanzaro sulla malcapitata Nuova Mileto di Mister Mario Spina. Una squadra che resiste solo venti minuti al tiro al bersaglio da parte del Real, che torna alla vittoria dopo la bruciante sconfitta subita nel derby contro i cugini del Pro Catanzaro.
Un dente avvelenato che ha trovato sfogo a Mileto, contro una squadra relegata all’ultimo posto di classifica, e che ha voluto rendere omaggio alla scomparsa del presidente dell’ U. S. Catanzaro Pino Albano degli anni ottanta, con una significativa vittoria.
La Serrese, dopo la vittoria sul Petrizzi, vince la sua seconda partita consecutiva contro un frastornato Badolato, con un poker d’altri tempi. Un 4-2 finale che non lascia possibilità di giustificazioni a Mister Teti, che ha il torto di avere schierato in campo una formazione priva di nerbo e voglia di combattere per la conquista di un risultato sportivo.
La Serrese, con questa vittoria, comincia a mettere riparo alle sconfitte subite tra il mese di novembre e dicembre e che la avevano coinvolta paurosamente nella zona Play-out.
I 18 punti conquistati alla fine del girone di andata non sono troppi ma, dovrebbero costituire un trampolino di lancio verso posizioni più consoni al suo blasone sportivo.
Er. Ga. 91
 
Al giro di Boa,
Numeri a doppia cifra su tutti i fronti per la Nuova Curinga.
Curinga 14-1-2011 - Giro di boa per la prima categoria che vede, nel girone C, la Nuova Curinga come assoluta protagonista. Numeri a due cifre su tutti i fronti per questa squadra che, con 15 partite giocate guida la classifica generale con 38 punti, avendone vinto 12, avendo segnato 28 reti e avendone subite solo 10.
Ma il numero a due cifre che maggiormente interessa è rappresentato dagli 11 punti di vantaggio che può vantare sulla seconda classificata e che, per il momento, la pongono al riparo da immediate sorprese.
L’inizio del girone di ritorno è, a dir poco scoppiettante, perché mette a confronto tra loro le prime quattro squadre della classifica generale, con la Nuova Curinga che farà visita al Pro Catanzaro e la Nuova Filadelfia che sarà ospite del San Calogero.
Interessanti incontri quelli tra Gimigliano e Real Catanzaro e Monasterace – Nuova Limbadi , mentre Petrizzi – Badolato e Nuova Mileto-Marina di Nicotera, rappresentano due derby, uno Tirrenico e uno Ionico, nei quali è possibile aspettarsi di tutto.
Senza difficoltà la partita della Serrese che ospita un Real S. Maria privo ormai di ogni efficacia che possa mettere in difficoltà un qualsiasi avversario.
IL Pro Catanzaro affronta la Nuova Curinga col dente avvelenato, per avere subito da questa l’unica sconfitta del girone di andata. Una squadra che ha infilato ben 14 risultati utili consecutivi ma, con sole 6 vittorie rispetto alle 12 conquistate dalla Nuova Curinga che costituisce la sua avversaria numero uno.
Una partita che offrirà sicuramente spettacolo e che, visti i risultati ottenuti da queste due squadre, lascia il risultato in incognita così come deve essere tra due squadre di rango. Ci si aspetta in ogni caso un Sabato di sport, tra le due migliori squadre del girone C, tra quelli cioè che hanno ottenuto i migliori risultati di questa prima frazione di campionato.
Il San Calogero ospita una Nuova Filadelfia un po’ offuscata dopo le decisioni del Giudice Sportivo ma non per questo rinunciataria. I padroni di casa vorranno difendere la loro fresca conquista del secondo posto in classifica generale, e per questo, trattandosi di una concorrente diretta, farnno di tutto per conquistare l’intera posta in palio. Il mezzo passo falso della Nuova Filadelfia a Parghelia, impone ai ragazzi di Mister Barone una prova maiuscola se vogliono continuare a sognare assieme ai propri tifosi.
Un Filogaso in netta ripresa affronta un Cessaniti euforico per la vittoria ottenuta sul Gimigliano. Le motivazioni per una possibile vittoria, sono alte per entrambe, perché per il Filogaso si tratta di volere inseguire una posizione Play-Off ancora possibile e raggiungibile; mentre per il Cessaniti si tratta di scalare ulteriori posizioni di classifica per uscire definitivamente dalla zona Play-out.
A Gimigliano, visti gli ultimi risultati ottenuti, i tifosi si augurano che la loro squadra non ripercorri i risultati negativi delle prime giornate di campionato. La situazione di classifica non è eccessivamente preoccupante ma, il Real Catanzaro giocherà per vincere perché vuole conquistare uno dei quattro posti Play-Off, per i quali, a lottare si trovano in cinque. Visto che per una delle cinque non ci sarà posto, il Real lotterà per evitare che sia lui ad essere quella esclusa.
Monasterace e Nuova Limbadi fanno entrambe parte del gruppo delle “sette” squadre racchiuse in soli due punti e, purtroppo, non troppo distanti dalla zona più pericolosa della classifica generale. Questo è uno stimolo in più per puntare ad una vittoria possibile e utile per entrambe, soprattutto per il Limbadi che dopo un brillante inizio, è scivolato ai limiti della retrocessione.
Turno facile per la Serrese che affronta un Real S. Maria che è la squadra che ha dato meno garanzie di rendimento rispetto a tutte le altre del girone, compresa la Nuova Mileto che è ultima. 92
 
Le differenze non sono racchiuse solo nella posizione di classifica occupata, ma nell’essere squadra che, certamente ha di più dimostrato di esserlo la Serrese che non il Real S. Maria. La serie impressionante di risultati negativi ottenuti dal Real S. Maria, fa dormire sonni tranquilli sia ai tifosi che ai giocatori della Serrese che domenica, hanno vinto, ma soprattutto convinto.
Il derby tirrenico tra Nuova Mileto e Marina di Nicotera, non dovrebbe sfuggire alle normali previsioni di vittoria per gli ospiti soprattutto per i sedici punti che separano le squadre in classifica generale. Un Marina di Nicotera capace di fermare il Pro Catanzaro a Catanzaro, ed una Nuova Mileto che crolla paurosamente in casa contro il Real Catanzaro; questi gli ultimi risultati da cui provengono le due squadre e, con questi presupposti, non dovrebbe esserci spazio per i padroni da casa. Non dimentichiamo comunque che si tratta di un derby, e che in questi casi, ogni risultato è possibile.
Altro derby, questa volta Ionico, quello che si giocherà tra Petrizzi e Badolato, due squadre che, in questo campionato hanno dato molto, ma molto poco.
Ci sarà da una parte un Badolato che presenta la peggiore difesa (dopo quella del Real S. Maria), e dall’altra, un Petrizzi col peggiore attacco di questo campionato. Possibile la vittoria per il Badolato ma, possibile anche quella del Petrizzi che spera, finalmente, di scacciare la crisi che la attanaglia ormai da troppo tempo.
Er. Ga.
Pro Catanzaro - Nuova Curinga n. d.
Rinviata per troppo vento, la partita clou della giornata Pro Catanzaro - Nuova Curinga.
Gli altri risultati e la Classifica Generale
Curinga 16-01-2011 - E' stato rimandato il big match della prima giornata di ritorno di campionato di Prima Categoria tra Pro Catanzaro e Nuova Curinga.
La partita non si è giocata a causa del forte vento che si è abbattuto sullo stadio.

L'arbitro dell'incontro, dopo diversi sopralluoghi, ha optato per il rinvio della gara.

Le squadre scendevano in campo con le seguenti formazioni:

Pro Catanzaro: Madia, Spina, Corasaniti, Parente, Armocida, Mauro A.(I), Mauro A.(II), Silipo, Lorenzo, Pironaci, Melfi.

Nuova Curinga: Michienzi, Rondinelli, Mazza, Cerra, Di Cello S., Frijia, Serratore, Nosdeo, Di Cello L., Arcuri, Marturano.

La data del recupero verrà decisa dalla Lega Nazionale Dilettanti.

Er. Ga. 93

 

San Calogero

Forte vento a Catanzaro

Non si gioca il big match

Pro Catanzaro – Nuova Curinga

CATANZARO LIDO 16-1-2011 - Alla fine hanno vinto le forti raffiche di vento. La gara, valevole per la prima giornata di ritorno tra Pro Catanzaro e Nuova Curinga è stata rinviata ad altra data.

Il big match aveva richiamato un numeroso pubblico al "Curto" di Catanzaro Lido. Pubblico ancora privo degli spalti che, per poche migliaia di euro, rimane chiuso. Il direttore di gara per ben due volte, alla presenza dei due capitani, Melfi del Pro Catanzaro e Frijia della Nuova Curinga, si è portato sul terreno di gioco per constatare le condizioni atmosferiche e alla fine, d'accordo con i due capitani, dopo aver verificato l'impraticabilità, ha deciso che la gara era da rimandare.

di BRUNO SODARO

Il Quotidiano