Notizie di Prima Pagina
 
25-9-2016 - Si fa per ridere - Lagni ( 1 - 2 - 3).// Agosto 2016 - Freschi di stampa. 1) Zio Peter racconta 2) Foglie d'autunno // 31-5-2016 - Nel Menù Principale Sezione Biblioteca viene Pubblicata la copertina del Libro di Poesie Foglie d'Autunno di Giovambattista Gaudino ed Ernesto Gaudino.// 30-5-2016 - In Attesa degli Europei di Calcio 2016 - Il Calendario dellepartite. 28-5-2016 - Farsa Nu Governu d'Animali 28-04-2015 - Nel Menu' Principale una nuova sezione dedicata alle Farse - Si fa per Ridere. 18-1-2015 - Micu torna d'America // 25-11-2014 - Ricordandu li Passuoti Centocinquanta quartine per ricordare tutti quei personaggi che hanno vissuto Piazza Immacolata, Il “Passo”. // 18-11 2014 - Parole del dialetto curinghese e Modi di Dire // 4-05-2014 - A partire da oggi, su questo sito è possibile trovare un nuovo Menù con una nuova Sezione che riguarda Mille (1000) parole appartenenti ad un Dizionario di Pronuncia del dialetto curinghese.
 
Clock
Ulti Clocks content
Cerca
Biblioteca
Foto di altri Tempi
Banner
Previsioni Meteo
Foto dei Ricordi
Immagine casuale
monumento-all-emigrante.png
Contatore

In Prima Pagina 14-3-2010

 

Il rock and roll made in Calabria

La storia musicale del gruppo lametino I Bruzi

Ebbero grande risonanza di pubblico negli anni ‘70

ERO L’ATTENDENTE DEL KAISER

 

14 Marzo 2010 di Michele Pingitore

Le sonorità beat e del rock & roll du­rante gli anni sessanta hanno sol­cato anche i cieli calabresi. Talvolta in modo sfuggente, altre impri­mendo caratteristiche e modalità di vita a tanti giovani. Qualche volta hanno lasciato una scia di stelle luminose che splen­dono ancora oggi, come quella del gruppo la­metino I Bruzi.

Ma andiamo con ordine, tra la fine degli an­ni '50 e l'inizio dei '60, assistiamo nell'indu­stria musicale a una vera rivoluzione sonora che cambierà in certo qual modo per sempre le cose. Si passa rapidamente da una conce­zione orchestrale da accompagnamento al cantante di turno, al gruppo snello o al can­tante solista che suona e scrive le proprie can­zoni. Nascono così artisti come Gene Vincent, Little Richard, Bob Dylan. Elvis Presley; gruppi come The Platters. E con loro tut­ta una generazione di giovani che vuole imitarli nelle urla, nei movimenti e nelle danze sincopate, insomma nella provocazione mu­sicale. Anche in Italia la febbre da rock & roll contagiò vari cantanti esordienti come Bobby Solo e Little Tony che emulavano Elvis Presley.

Questo desiderio d'imitazione era in realtà un profondo bisogna di cambiare musica, proporre un sound innovativo e più consono ai tempi moderni, che la società aveva imboc­cato dopo la Seconda guerra Mondiale.

Era nato un nuovo approccio verso la mu­sica, più immediato e spontaneo, questo gra­zie anche alle condizioni economiche favore-voli. Gruppi musicali composti di amici che suonavano un po' per gioco e passione nac­quero un po' ovunque. Anche in Calabria ab­biamo diverse testimonianze che documen­tano la presenza di numerose band amatoriali legate alle sonorità ricorrenti di quel perio­do. Tra queste, all'inizio degli anni '60, c'è una band che ha lasciato le sue tracce che so­no presenti ancora oggi (basta andare su You Tube per trovare numerosi brani del grup­po) , erano di Nicastro e in onore della loro ter­ra madre vollero chiamarsi semplicemente I Bruzi.

Era il 1961 quando un gruppo d'amici di Nicastro decisero di suonare insieme: Elio al basso, Genio alla batteria che sarà uno dei principali compositori dei brani, Benny come voce solista, Ermanno alle tastiere e Pippo alla chi­tarra. L'avventura sonora eb­be inizio quasi per gioco, ma subito dopo la loro serietà conquistò il pubblico locale per poi espanderei anche al­trove. I brani proposti, come era consuetudine all'epoca, andavano dal repertorio delle canzoni di Edoardo Vianello, Beatles, Lucio Battisti, temi musicali come "La battaglia di Alamo" e molte altre canzo­ni d'oltreoceano.

Le prime esibizioni avven­nero ovviamente nelle feste di piazza o in qualche locale alla moda, dove riuscivano a coin­volgere sempre il pubblico. Ma presto ci furono le prime defezioni, forse per altri inte­ressi o perché forse qualcuno era convinto che di sola musi­ca non si riuscisse a vivere, così Ermanno, Pippo e Benny lasciarono la band e al loro posto entrarono Egidio alla chitarra e Salvatore tromba.

Il gruppo trasformatesi in un quartetto era ora proiettato verso altri orizzonti che si sarebbero aperti da lì a poco. Un quartetto in cui la tromba diventava quasi la voce solista, il loro sound raggiunse adesso un'armonia musicale e ritmica invidiabile, soprattutto nei mugolii, fraseggi voca­li, fischi e sussurri che diventeranno una propria caratteristica sonora della band fino alla fine.

Nel 1966 incisero per un'importantissima eti­chetta discografica come l'Ariston, il primo dei lo­ro dischi "Ero l'attendente del Kaiser", un motivetto molto orecchiabile già portato al successo da Greenaway e Cooke. IL ritornello fischiet­tato da Elio e Genio si amalgamava subito dopo con la tromba di Salvatore che sem­brava una voce sovrapposta.

Sul retro di questo primo 45 giri c'era in­vece un pezzo originale del gruppo "Un cuore di sasso", più introspettivo e chiara­mente romantico.

Questo primo disco ebbe un discreto suc­cesso ma non tale da consacrare la band. L'anno successivo pubblicarono un nuovo disco, questa volta rifacendo una canzone che era stato un grosso successo in Ameri­ca, Massachusetts dei fratelli Gibb, meglio conosciuti come i Bee Gees, forse per la prima volta in una versione italiana, sul lato B invece ancora una volta un brano compo­sto da loro "IL mio giorno magico".

Tra l'aprile e il maggio, di quel lontano 1968 infuocato, uscì il loro terzo disco che riproponeva sul lato A la cover di una can­zone di Michel Fugain intitolata "II tempo che ho non basterà", in una versione dol­cissima e disincantata, sul lato B invece "Sappi che morirò", brano scritto da Genio e Coppola, molto più disimpegnato nono­stante un titolo così lugubre.

L'anno successivo la band cambia casa discografica, lasciando l'Ariston per ap­prodare su l'etichetta Variety, con quasi contemporaneamente due nuovi 45 giri il primo con i brani "Banda" e "il cuore che ho", mentre il secondo più interessante "Miss love you", scritto pare appositamen­te per il gruppo da Umberto Bindi, sul lato B invece un titolo semplice e suggestivo co­me il brano "Come lei", firmato dalla band. I Bruzi pubblicheranno il loro ultimo 45 giri, sempre per Variety, nel 1970 con due pezzi originali: "il sole non c'è più", intro­spettivo sul tema della solitudine, sull'al­tro lato invece "La magia".

Tuttavia il meglio il gruppo, come spes­so accadeva nella musica a quell'epoca, era nelle loro esibizioni live. Memorabili sono le cronache di alcune loro esecuzioni dal vivo. In cui suonavano non solo i propri brani, ma anche alcune cover che nelle loro ver­sioni erano più belle de­gli originali. Durante gli anni la formazione, che è rimasta quasi stabile, ha accolto soprattutto per le esibizioni dal vivo altri musicisti per potenziare il proprio sound: Jerry alla tromba e Carletto al­la chitarra.

Durante tutta la loro attività musicale, dura­ta quasi un decennio', moltissime sono state le richieste per esibizioni dal vivo, numerosi i con­tratti con diverse case discografiche. Il loro suc­cesso fu soprattutto in Calabria ma non mancò anche in altre regioni. Dal vivo, come accadeva spesso tra gli anni '60 - '70, accompagnavano grossi nomi della musi­ca leggera riscuotendo però anche un loro suc­cesso personale. Al culmine di questo periodo il gruppo si sciolse e ognu­no dei membri intrapre­se la propria strada, in­terrompendo forse bruscamente quel loro sogno musicale giovanile, coltivato in un territorio non sicuramente facile, ma nonostante ciò sono riu­sciti a diventare un gruppo di cui ancora oggi si parla e si cerca il materiale sonoro da parte di ap­passionati vecchi e di cui se ne aggiungono, giorno dopo giorno, sempre dei nuovi.

Il Quotidiano